copertina

In memoria di Bruno Porcelli. I. Boccaccio come modello, a cura di Alberto Casadei, Marcello Ciccuto, Davide De Camilli, Giorgio Masi, 2013, pp. 240 (XLII/2, 2013)

ITALIANISTICA · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Il fascicolo che si presenta è il primo di due, monografici, che si sono voluti dedicare alla memoria di Bruno Porcelli. Alla rivista «Italianistica», infatti, egli rivolse tutto il suo impegno per oltre un ventennio. L'impegno di uno studioso di grande rigore, attento agli aspetti formali e teorici della critica letteraria, in un ambito prevalentemente storico-filologico. Gli studi di Porcelli spaziano sui più vari aspetti e momenti della produzione letteraria italiana, partendo dalla novellistica e dalla narrativa in generale per arrivare alla poesia barocca e ad aspetti più recenti della nostra letteratura, fino anche a generi poco frequentati come il poliziesco e il giallo. Altrettanto incisivo il suo contributo alle indagini di onomastica letteraria, di cui egli è stato uno studioso di punta: l'attenzione di Porcelli alla nominatio letteraria riguarda non solo gli aspetti connotativi del nome stesso o quelli denotativi, quanto piuttosto la valenza del nome nell'ambito delle singole opere, cioè i suoi aspetti funzionali. Il fascicolo, interamente dedicato al Boccaccio, spazia da nuovi studi sul Ninfale fiesolano, sulle Rime e su alcune novelle del Decamerone all'onomastica boccacciana (inclusi i nomi di origine araba e ebraica), dal riuso e adattamento di alcune novelle in età moderna alle loro valenze morali e didattiche, dalla fortuna del Boccaccio all'estero agli influssi da lui esercitati sulla letteratura italiana dei secoli successivi.

Sommario: Davide De Camilli, Ricordando Bruno Porcelli; Leonardo Terrusi (a cura di), Aggiornamento della bibliografia di Bruno Porcelli (2006-2012); Erminia Ardissino, Le ninfe, il Boccaccio, la storia; Paola Baioni, Onomastica boccacciana tra narratori e personaggi; Giorgio Bárberi Squarotti, Decameron: Lidia, Francesca, Dianora e le prove d'amore; Marco Bardini, La novella dello scolare e della vedova (Dec., VIII, 7): due riusi novecenteschi; Susanna Barsella, Tyranny and obedience. A political reading of the tale of Gualtieri (Dec., x, 10); Lucia Battaglia Ricci, Decameron, x, 10: due 'verità' e due modelli etici a confronto; Concetto Del Popolo, Poche note per le Rime; Monica Fekete, La presenza di Boccaccio in Romania; Fabrizio Franceschini, Salabaetto e i nomi di tipo arabo ed ebraico nel Decameron; Pietro Gibellini, Dalla novella al sonetto: Belli, Casti e un po' di Boccaccio; Martina Mazzetti, Dare forma alla poesia: semantica del libro tra Dante e Boccaccio (passando per Guittone); Sebastiana Nobili, Il senso delle lacrime. Una teoria del pianto nel Decameron; Luca Carlo Rossi, L'usignolo di Caterina (Dec., V, 4) ieri e oggi; Pasquale Sabbatino, La novella del re di Cipro tradotta «in diversi volgari d'Italia» e gli Avvertimenti della lingua sopra 'l Decamerone di Salviati; Selene Sarteschi, Letture edificanti e nozze bianche; Ruggiero Stefanelli, Decameron: 'udire' 'vedere' 'conoscere' negli explicit della prima giornata.

Composto in carattere Dante Monotype.
Formato 17 x 24. Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano blu con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Ingres Fabriano giallo con stampa ad un colore.

Brossura / Paperback: Euro 240.00 Acquista / Buy

ISBN: 978-88-6227-661-0
ISSN: 0391-3368
SKU: 2842

Argomenti correlati
Filologia medievale e rinascimentale...
Letteratura e Linguistica...