libraweb The Online Integrated Platform of

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma


An Authoritative Independent Academic Press since 1928 and Internationally Pre-Eminent Publisher of over 150 Active Leading Peer-Reviewed Scholarly Journals in the Humanities and Social Sciences, all Print, Online, and Open Access

Accademia editoriale, Pisa · Roma / Edizioni dell'Ateneo, Roma / Giardini editori e stampatori in Pisa
Gruppo editoriale internazionale, Pisa · Roma / Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma

PROMOZIONI / PROMOTIONS


RIVISTE / JOURNALS


COLLANE / SERIES






NUOVE RIVISTE / NEW JOURNALS

Scritture e linguaggi dello sport

Rivista internazionale di letteratura


*

Asia Minor

An International Journal of Archaeology in Turkey

Telestes

An International Journal of Archaeomusicology and Archaeology of Sound

Ancient Numismatics

An International Journal

Occidente / Oriente

Rivista internazionale di studi tardoantichi

Artes Renascentes

Revue Scientifique Internationale · Rivista Scientifica Internazionale · International Scholarly Journal · Revista Científica Internacional · Internationale Wissenschaftliche Fachzeitschrift

Gemmae

An International Journal on Glyptic Studies

Documenta

Rivista internazionale di studi storico-filologici sulle fonti

Oriens Antiquus · Series Nova

Rivista di studi sul Vicino Oriente Antico e il Mediterraneo orientale
A Journal of Ancient Near-Eastern and East Mediterranean Studies


copertina

La mondializzazione di Dante, a cura di Giuseppe Sangirardi, 2020, pp. 184 con figure in bianco/nero n.t. (XLIX/2, 2020)

ITALIANISTICA · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Sin dal primo Ottocento sale vistosamente la temperatura del dantismo internazionale, alimentato anche dall’esilio politico che costringe all’espatrio, tra la Restaurazione e l’Unità, molti intellettuali italiani che portano con sé l’immagine di un Dante patrono delle cause nazionali. Una prima forte convergenza di fenomeni di ricezione che rinviano alle diverse dimensioni della mondializzazione si riscontra soprattutto nelle ultime decadi dell’Ottocento, con addensamento intorno alla data simbolica del 1865, anno del sesto centenario della nascita festeggiato con straordinaria solennità e trasporto nell’Italia appena unificata. Le traduzioni della Commedia sfondano confini geografici e di popolarità: non solo l’Europa, ma anche il Continente Americano. Alle traduzioni linguistiche si aggiungono altre ‘traduzioni’ che aprono fronti di ricezione diversi: sullo scorcio del secolo sono stampate delle versioni per ragazzi del racconto dantesco per il pubblico anglofono britannico e americano; in Francia, tra il 1861 e il 1868, viene pubblicata la Commedia illustrata da Gustave Doré, destinata a un immenso successo mondiale. Dopo questa ‘proto-mondializzazione’ di fine Ottocento, una nuova soglia storica di globalizzazione della ricezione è riconoscibile a partire dal secondo dopoguerra: da un lato si assiste ad un ulteriore allargamento e intensificazione delle pratiche ricettive già introdotte, dall’altro è presente un’inclinazione sempre più sensibile del piano di ricezione dall’alto verso il basso: ad una ricezione colta si sovrappone una diffusione massiccia della presenza di Dante nei circuiti massmediatici ed emerge un ‘Dante pop’. Negli studi che si presentano in questo fascicolo monografico il Dante monumentale costruito durante l’Ottocento convive sempre di più con un Dante ridimensionato per entrare nei piccoli templi della cultura e del consumo domestici. Si tratta di un processo lungo e articolato, in cui si devono riconoscere diverse sotto-soglie, come quella della vera e propria mondializzazione del mercato librario negli anni Ottanta, o quella della rivoluzione del web all’ingresso del nuovo millennio. La memoria culturale italiana, in parte anche internazionale, ha costituito un patrimonio di ‘citazioni’ dantesche, e queste citazioni si stanno trasformando in ‘meme’ attraverso i quali il ‘mito’ contemporaneo di Dante è ricostruito, dilatato e manipolato. Ma, a dispetto dell’omologazione vertiginosa prodotta dai flussi di linguaggi e di transazioni che attraversano il nostro mondo, resiste ancora il principio della non contemporaneità del contemporaneo e può accadere, per esempio, che uno scrittore come Derek Walcott alla fine del Novecento si appoggi su Dante (oltre che su Omero) per dare una dimensione epica all’identità caraibica. Portare in luce questi grovigli di relazioni fa parte delle sfide conoscitive che l’opera raccoglie.

Sommario: Giuseppe Sangirardi, La ‘mondializzazione’ di Dante: linee guida per un’esplorazione; Sonia Netto Salomão, Dante in Brasile: poetica, traduzione e critica; Alessandro Guetta, Dante et la Divina Commedia: cinq siècles d’inspiration pour la littérature hébraïque italienne; Martino Marazzi, Il progetto fascista del Danteum fra modernità e ‘dantismo diffuso’; Stefano Lazzarin, Per un atlante del fumetto dantesco. Sondaggi, analisi, congetture; Elizabeth Coggeshall, Dante oggi: l’inferno diffondibile; Nick Havely, Cerchi che si allargano. Traduzione e divulgazione dell’Inferno di Dante nella cultura anglofona; Filippo Fonio, La ‘marque Dante’ et son évolution: de la vente de produits au management; Massimo Natale, «The last chronicler of the twilight»: con Charles Wright e Dante a Caribou.Notiziario.

Composto in carattere Serra Dante.
Formato 17 x 24,5. Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Ingres Fabriano giallo con stampa ad un colore.

Brossura / Paperback: Euro 240.00 Acquista / Buy

ISBN: 978-88-3315-260-8
ISSN: 0391-3368
SKU: 3552

Argomenti correlati
Filologia medievale e rinascimentale...
Letteratura e Linguistica...