libraweb The Online Integrated Platform of

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma


An Authoritative Independent Academic Press since 1928 and Internationally Pre-Eminent Publisher of over 150 Active Leading Peer-Reviewed Scholarly Journals mainly in the Humanities and Social Sciences, all Print, Online, and Open Access

Accademia editoriale, Pisa · Roma / Edizioni dell'Ateneo, Roma / Giardini editori e stampatori in Pisa / Gruppo editoriale internazionale, Pisa · Roma / Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma

PROMOZIONI / PROMOTIONS


RIVISTE / JOURNALS


COLLANE / SERIES






NUOVE RIVISTE / NEW JOURNALS

Philologia Philosophica

Rivista internazionale


Romana Res Publica

An International Journal


*


Scritture e linguaggi dello sport

Rivista internazionale di letteratura

Asia Minor

An International Journal of Archaeology in Turkey

Telestes

An International Journal of Archaeomusicology and Archaeology of Sound

Ancient Numismatics

An International Journal

Occidente / Oriente

Rivista internazionale di studi tardoantichi

Artes Renascentes

Revue Scientifique Internationale · Rivista Scientifica Internazionale · International Scholarly Journal · Revista Científica Internacional · Internationale Wissenschaftliche Fachzeitschrift

Gemmae

An International Journal on Glyptic Studies

Documenta

Rivista internazionale di studi storico-filologici sulle fonti

Oriens Antiquus · Series Nova

Rivista di studi sul Vicino Oriente Antico e il Mediterraneo orientale
A Journal of Ancient Near-Eastern and East Mediterranean Studies


copertina

Aere perennius. Il dialogo con l’antico fra Medioevo e prima modernità, a cura di Susanna Barsotti, Arianna Brunori, Ilaria Ottria, Paola Tricomi, Marina Zanobi, 2021, pp. 276 con figure in bianco/nero n.t. (Volume 53-54, 2019/1-2)

RASSEGNA EUROPEA DI LETTERATURA ITALIANA · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Questo fascicolo monografico raccoglie gli studi presentati durante due giornate seminariali svoltesi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, nel novembre 2019. Il primo presupposto di queste giornate è stato lo studio dell’eredità della cultura classica nell’arco cronologico che spazia dal XII secolo al primo Umanesimo. I numerosi contributi raccolti sono stati accorpati in tre macro-aree di competenza: a una prima area, dedicata ai classici nel panorama mediolatino e romanzo fra XII e XIV secolo, seguono una sezione di respiro più puramente ‘dantesco’ e una di pertinenza più ampia e interdisciplinare, comprensiva di preziosi confronti con le fonti iconografiche, in particolare quelle dei miti ovidiani. Nella prima sezione vengono presentati, dunque, lavori su opere in latino medievale e nelle lingue d’oc e d’oil, con particolare attenzione agli aspetti di riadattamento dei classici alla moralità cristiana e ai processi di trasformazione del testo nel momento in cui, dal modello classico, esso viene portato (tramite traduzioni, chiose o altri tipi di richiamo) al contesto culturale (religioso) del XII secolo. La seconda sezione raccoglie poi i saggi dedicati ai rapporti della letteratura medievale italiana con i classici greci e latini. Nello specifico, attraverso angolazioni diverse, si è cercato di gettare luce sul valore dicotomico conferito alla tradizione classica da parte di Dante, Petrarca e Boccaccio; essi infatti attribuiscono ai classici, da una parte, un significato esemplare, di modello assoluto da imitare, dall’altra, un valore letterario più concreto e relativo, tale da ammettere un approccio critico e talvolta persino polemico. La terza e ultima sezione è incentrata su alcuni casi particolarmente significativi di ripresa e risemantizzazione di miti classici nella letteratura tra Medioevo e Rinascimento, senza trascurare il coevo versante delle arti figurative. A fungere da denominatore comune dei contributi è la convinzione che, nel rispetto delle peculiarità di ogni disciplina, sia possibile stabilire una proficua interazione tra testi e immagini, da cui possano scaturire nuove prospettive di indagine e di ampliamento degli studi.

Sommario: Susanna Barsotti, Arianna Brunori, Ilaria Ottria, Paola Tricomi, Marina Zanobi, Introduzione; I. I classici nel panorama mediolatino e romanzo fra XII e XIV secolo: Claudia Villa, Chrétien, Macrobio, Marziano Capella; Lisa Ciccone, Moraliter intelligitur: la moralizzazione delle Metamorfosi di Ovidio nel commento anonimo del Vat. Lat. 1479; Chiara Cracco, Rimaneggiamenti medievali delle Fabulae di Fedro: la morale nel Novus Æsopus di Alexandre Neckam e nell’Isopet II de Paris; Susanna Barsotti, Dal ‘grasso’ dell’amore al ‘grasso’ della poesia : un sondaggio sulle implicazioni semantiche della pinguedo dai classici ai trovatori provenzali; Marianoemi Bova, La riflessione metapoetica e il dialogo con le fonti nel Roman de Troie; II. I classici nella letteratura italiana del Medioevo e nei commenti a Dante: Paolo Falzone, «Mio figlio ov’è?», «Hector ubi est?»: Cavalcante dei Cavalcanti e l’Andromaca virgiliana; Arianna Brunori, «Per tai difetti, non per altro rio». La sorte dei non credenti virtuosi nella Commedia e nel dibattito scolastico; Paola Tricomi, Lode all’inadeguatezza cosciente: prime ricognizioni sulla ‘sottigliezza’ in Dante; Valentina Sferragatta, Il reimpiego dei classici nell’esegesi dantesca. Strategie di volgarizzamento nelle Chiose alla ‘Commedia’ di Andrea Lancia; Marina Zanobi, Un dialogo marginale: Petrarca, i classici e i Padri della Chiesa; Serena Mauriello, La truce mensa di Giovenale e Boccaccio tra la Satira V e l’Epistola XIII; Miriam Pascale, Passioni e libri morales. La psicologia dello scolare e le sue fonti tra antichità e medioevo (Dec., VIII 7); III. I miti classici fra Medioevo e Rinascimento: Claudia Cieri Via, Il mito di Aracne. Elogio delle immagini silenziose; Fiammetta Campagnoli, Europa ‘rapita’. Riletture mitografiche, invenzioni iconografiche e seduzioni veronesiane; Lorenza Gay, The iconography of the Judgement of Paris in Late Medieval Illuminated Manuscripts between France, Italy and Burgundy (1320-1460); Raffaele Cesaro, Moralizzazioni del mito nei lamenti d’amore del tardo Trecento; Ilaria Ottria, Utilitas e delectatio. L’Ovide moralisé e altre riscritture del mito di Marsia tra XIV e XV secolo; Anna Cappellotto, «swaz durch minne geschet». Didone e Ifi nell’Eneit di Heinrich von Veldeke e nelle Metamorfosi di Albrecht von Halberstadt.

Composto in carattere Serra Dante.
Formato 17,5 x 25. Legatura in brossura pesante con copertina in cartone Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartone Murillo Fabriano avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 145.00 Acquista / Buy

E-Book: Euro 145.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-3315-367-4
E-ISBN: 978-88-3315-368-1
ISSN: 1122-5580
SKU: 3668

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...