libraweb The Online Integrated Platform of

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma


An Authoritative Independent Academic Press since 1928 and Internationally Pre-Eminent Publisher of over 150 Active Leading Peer-Reviewed Scholarly Journals in the Humanities and Social Sciences, all Print, Online, and Open Access

Accademia editoriale, Pisa · Roma / Edizioni dell'Ateneo, Roma / Giardini editori e stampatori in Pisa
Gruppo editoriale internazionale, Pisa · Roma / Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma

PROMOZIONI / PROMOTIONS


RIVISTE / JOURNALS


COLLANE / SERIES






NUOVE RIVISTE / NEW JOURNALS

Scritture e linguaggi dello sport

Rivista internazionale di letteratura


*

Asia Minor

An International Journal of Archaeology in Turkey

Telestes

An International Journal of Archaeomusicology and Archaeology of Sound

Ancient Numismatics

An International Journal

Occidente / Oriente

Rivista internazionale di studi tardoantichi

Artes Renascentes

Revue Scientifique Internationale · Rivista Scientifica Internazionale · International Scholarly Journal · Revista Científica Internacional · Internationale Wissenschaftliche Fachzeitschrift

Gemmae

An International Journal on Glyptic Studies

Documenta

Rivista internazionale di studi storico-filologici sulle fonti

Oriens Antiquus · Series Nova

Rivista di studi sul Vicino Oriente Antico e il Mediterraneo orientale
A Journal of Ancient Near-Eastern and East Mediterranean Studies


copertina

Aere perennius. Il dialogo con l’antico fra Medioevo e prima modernità, a cura di Susanna Barsotti, Arianna Brunori, Ilaria Ottria, Paola Tricomi, Marina Zanobi, 2021, pp. 276 con figure in bianco/nero n.t. (Volume 53-54, 2019/1-2)

RASSEGNA EUROPEA DI LETTERATURA ITALIANA · FASCICOLI MONOGRAFICI
Fondata da Michelangelo Picone
Diretta da Johannes Bartuschat, Paolo Borsa

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Questo fascicolo monografico raccoglie gli studi presentati durante due giornate seminariali svoltesi presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, nel novembre 2019. Il primo presupposto di queste giornate è stato lo studio dell’eredità della cultura classica nell’arco cronologico che spazia dal XII secolo al primo Umanesimo. I numerosi contributi raccolti sono stati accorpati in tre macro-aree di competenza: a una prima area, dedicata ai classici nel panorama mediolatino e romanzo fra XII e XIV secolo, seguono una sezione di respiro più puramente ‘dantesco’ e una di pertinenza più ampia e interdisciplinare, comprensiva di preziosi confronti con le fonti iconografiche, in particolare quelle dei miti ovidiani. Nella prima sezione vengono presentati, dunque, lavori su opere in latino medievale e nelle lingue d’oc e d’oil, con particolare attenzione agli aspetti di riadattamento dei classici alla moralità cristiana e ai processi di trasformazione del testo nel momento in cui, dal modello classico, esso viene portato (tramite traduzioni, chiose o altri tipi di richiamo) al contesto culturale (religioso) del XII secolo. La seconda sezione raccoglie poi i saggi dedicati ai rapporti della letteratura medievale italiana con i classici greci e latini. Nello specifico, attraverso angolazioni diverse, si è cercato di gettare luce sul valore dicotomico conferito alla tradizione classica da parte di Dante, Petrarca e Boccaccio; essi infatti attribuiscono ai classici, da una parte, un significato esemplare, di modello assoluto da imitare, dall’altra, un valore letterario più concreto e relativo, tale da ammettere un approccio critico e talvolta persino polemico. La terza e ultima sezione è incentrata su alcuni casi particolarmente significativi di ripresa e risemantizzazione di miti classici nella letteratura tra Medioevo e Rinascimento, senza trascurare il coevo versante delle arti figurative. A fungere da denominatore comune dei contributi è la convinzione che, nel rispetto delle peculiarità di ogni disciplina, sia possibile stabilire una proficua interazione tra testi e immagini, da cui possano scaturire nuove prospettive di indagine e di ampliamento degli studi.

Sommario: Susanna Barsotti, Arianna Brunori, Ilaria Ottria, Paola Tricomi, Marina Zanobi, Introduzione; I. I classici nel panorama mediolatino e romanzo fra XII e XIV secolo: Claudia Villa, Chrétien, Macrobio, Marziano Capella; Lisa Ciccone, Moraliter intelligitur: la moralizzazione delle Metamorfosi di Ovidio nel commento anonimo del Vat. Lat. 1479; Chiara Cracco, Rimaneggiamenti medievali delle Fabulae di Fedro: la morale nel Novus Æsopus di Alexandre Neckam e nell’Isopet II de Paris; Susanna Barsotti, Dal ‘grasso’ dell’amore al ‘grasso’ della poesia : un sondaggio sulle implicazioni semantiche della pinguedo dai classici ai trovatori provenzali; Marianoemi Bova, La riflessione metapoetica e il dialogo con le fonti nel Roman de Troie; II. I classici nella letteratura italiana del Medioevo e nei commenti a Dante: Paolo Falzone, «Mio figlio ov’è?», «Hector ubi est?»: Cavalcante dei Cavalcanti e l’Andromaca virgiliana; Arianna Brunori, «Per tai difetti, non per altro rio». La sorte dei non credenti virtuosi nella Commedia e nel dibattito scolastico; Paola Tricomi, Lode all’inadeguatezza cosciente: prime ricognizioni sulla ‘sottigliezza’ in Dante; Valentina Sferragatta, Il reimpiego dei classici nell’esegesi dantesca. Strategie di volgarizzamento nelle Chiose alla ‘Commedia’ di Andrea Lancia; Marina Zanobi, Un dialogo marginale: Petrarca, i classici e i Padri della Chiesa; Serena Mauriello, La truce mensa di Giovenale e Boccaccio tra la Satira V e l’Epistola XIII; Miriam Pascale, Passioni e libri morales. La psicologia dello scolare e le sue fonti tra antichità e medioevo (Dec., VIII 7); III. I miti classici fra Medioevo e Rinascimento: Claudia Cieri Via, Il mito di Aracne. Elogio delle immagini silenziose; Fiammetta Campagnoli, Europa ‘rapita’. Riletture mitografiche, invenzioni iconografiche e seduzioni veronesiane; Lorenza Gay, The iconography of the Judgement of Paris in Late Medieval Illuminated Manuscripts between France, Italy and Burgundy (1320-1460); Raffaele Cesaro, Moralizzazioni del mito nei lamenti d’amore del tardo Trecento; Ilaria Ottria, Utilitas e delectatio. L’Ovide moralisé e altre riscritture del mito di Marsia tra XIV e XV secolo; Anna Cappellotto, «swaz durch minne geschet». Didone e Ifi nell’Eneit di Heinrich von Veldeke e nelle Metamorfosi di Albrecht von Halberstadt.

Composto in carattere Serra Dante.
Formato 17,5 x 25. Legatura in brossura pesante con copertina in cartone Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartone Murillo Fabriano avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 145.00 Acquista / Buy

E-Book: Euro 145.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-3315-367-4
E-ISBN: 978-88-3315-368-1
ISSN: 1122-5580
SKU: 3668

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...