libraweb The Online Integrated Platform of

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma


An Authoritative Independent Academic Press since 1928 and Internationally Pre-Eminent Publisher of over 150 Active Leading Peer-Reviewed Scholarly Journals in the Humanities and Social Sciences, all Print, Online, and Open Access

Accademia editoriale, Pisa · Roma / Edizioni dell'Ateneo, Roma / Giardini editori e stampatori in Pisa
Gruppo editoriale internazionale, Pisa · Roma / Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma

PROMOZIONI / PROMOTIONS


RIVISTE / JOURNALS


COLLANE / SERIES






NUOVE RIVISTE / NEW JOURNALS

Scritture e linguaggi dello sport

Rivista internazionale di letteratura


*

Asia Minor

An International Journal of Archaeology in Turkey

Telestes

An International Journal of Archaeomusicology and Archaeology of Sound

Ancient Numismatics

An International Journal

Occidente / Oriente

Rivista internazionale di studi tardoantichi

Artes Renascentes

Revue Scientifique Internationale · Rivista Scientifica Internazionale · International Scholarly Journal · Revista Científica Internacional · Internationale Wissenschaftliche Fachzeitschrift

Gemmae

An International Journal on Glyptic Studies

Documenta

Rivista internazionale di studi storico-filologici sulle fonti

Oriens Antiquus · Series Nova

Rivista di studi sul Vicino Oriente Antico e il Mediterraneo orientale
A Journal of Ancient Near-Eastern and East Mediterranean Studies


copertina

4 - Dominique Budor, Scrivere, ovvero nascere a sé stesso. Saggio su Luigi Pirandello, 2022, pp. 228

STUDI & TESTI Collana diretta da Rino Caputo

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Luigi Pirandello ha sempre sostenuto di aver avuto soltanto un’amante, per quanto ‘ideale’, e cioè l’Arte. La (vera) Vita dello scrittore è nella sua scrittura, si afferma spesso genericamente. Ma Dominique Budor enuclea tale condizione come essenziale per Pirandello nel rapporto tra la Vita e l’Arte. Tutto il Libro è perciò una permanente e affascinante ‘variazione sul tema’ e l’Autrice amministra con mirabile competenza le conoscenze accumulate sulla vita e sull’opera di Pirandello. Storia e Scrittura s’intrecciano e la narrazione ermeneutica si avvale del documento non meno che dell’intuizione critica, irrobustita da una ormai governata padronanza degli strumenti metodologici. Il libro è sostanzialmente la ricostruzione capillare, impeccabile e efficace del processo che conduce Pirandello a unire Vita e Scrittura nell’intensità verticale della ‘poetica’ come nella parossistica orizzontalità del vissuto storicoesistenziale: dalla gioventù fervorosa e disperante alla maturità vigorosa quanto illudente e agli ultimi anni deprivanti quanto lungimiranti per sé e per gli altri. Quando Pirandello muore, distrutta la salma corporea, che cosa rimane? Rimangono le opere. Per lo scrittore e il lettore, la sospensione e l’inquietudine che li accompagnano sono l’ultimo approdo. A questo livello si conferma la modernità di un autore che possiede la chiara consapevolezza di non poter risolvere nessuna forte interrogazione sul reale o su se stesso ma di poter solo dire il tormento dell’indecisione. Se qualche legame con la vita sussiste, si è creato e si è sviluppato nella scrittura per lo scrittore, si costruisce nella lettura per il fruitore del testo: vivono le sole opere. Da esse sono nati, in maniera del tutto solidale, lo scrittore e il lettore.

Sommario: Rino Caputo, Prefazione. Avvertenza bibliografica. I. Tracce e spunti per Prandello nel nuovo millennio: Le odierne condizioni della critica; 1. Pirandello insieme classico e «précurseur»; Un classico imponente; Un «précurseur» stimolante:Il testo e l’interpretante; Le «pièces», il testo, l’intertesto; L’«ipotetico insieme». 2. Nel nuovo millennio, Pirandello chi? II. I meandri del dire di sé: 1. L’inorganico dire di Sé: «Gli altri me»; Pirandello ‘taccuinista’ e non diarista; La delega biografica; La scrittura ‘a quattro mani’. 2. Strategie di rimozione’: Lo «schifo» della cronaca e la verità dell’Arte; L’auto-riferimento: la citazione, l’autocitazione, lo slogan: La citazione; L’autocitazione; Lo slogan. La ‘duttilità’ del dire. 3. Strategie di conciliazione’: La sintomatica eccedenza del raisonneur e lo sfogo nell’epistolario; La posture dell’autore: una metatestualità interna ed esterna; La messinscena dello scrivere e la scissione dell’Io. 4. L’impossibile autobiografia e il rifiuto della nascita. III. Scrivere per nascere a sé stesso: 1. I tempi e le modalità della confessione: La protezione comunicativa nella narrazione; La messinscena della rivelazione. 2. «Fuori della vita»: L’omicidio; Il suicidio o la vita alternativa: Mattia Pascal; L’appartarsi dalla vita e la pazzia; Le vie alla scrittura: Il vedersi morto e la scrittura: Mattia Pascal; Il silenzio e la scrittura: Serafino Gubbio; L’evaporazione e la scrittura: Vitangelo Moscarda; 3. «L’autre scène»: l’esibizione-terapia attraverso la «maschera»: Il patto fantasmatico; La madre; Il padre; Il figlio.4. L’auspicata fusione tra vita e poesia: La ‘rivoluzione’ del teatro nuovo e l’Autore; L’Attrice e l’Eros creativo; L’Autore sullo schermo. IV. La morte: Un altro Sé; Scrivere, ovvero nascere a sé stesso. Bibliografia dei testi citati. Indice dei nomi citati.

Composto in carattere Imprint Serra.
Cm. 17,5 x 25. Legatura in brossura pesante con copertina in cartone pesante Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro e sovraccoperta in cartoncino Tiziano Fabriano nebbia con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 48.00 Acquista / Buy

E-Book: Euro 48.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-3315-405-3
E-ISBN: 978-88-3315-406-0
ISSN:
SKU: 3686

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...