Novità librarie

New Books

copertina

LXXXIX. 2 - Proceedings of the Meeting of the Italian Association of Sanskrit Studies (Bologna 27-28 March 2015), edited by Raffaele Torella, Marco Franceschini, Tiziana Pontillo, Cinzia Pieruccini, Antonio Rigopoulos, Francesco Sferra, 2016, pp. 196 con 5 figure in bianco/nero n.t.

SUPPLEMENTI ALLA «RIVISTA DEGLI STUDI ORIENTALI»
Collana diretta da Raffaele Torella
Cm 17 x 24

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

The most recent conference of the AISS (Associazione Italiana di Studi Sanscriti) was held at the University of Bologna on March 27–28, 2015, and saw the participation of numerous scholars from all over the country. The first day and part of the second were devoted to the presentation and brief discussion of twenty–three papers freely investigating a wide variety of Indological topics (from philosophy to poetry, from linguistic to Buddhist tradition and to Sanskrit literature). In the final seminar, titled "Purity/Impurity", eight papers were presented and discussed. The articles comprised in this volume were selected by the AISS Board; they attest the latest developments in the field of Indological studies and the activities and research projects carried on in the main Italian Universities, thus documenting the developments of Sanskrit and South Asian studies in the last years.

La più recente conferenza dell'AISS (Associazione Italiana di Studi Sanscriti) si è tenuta presso l'Università di Bologna dal 27 al 28 marzo 2015 e ha visto la partecipazione di numerosi studiosi provenienti da tutto il paese. Il primo giorno e parte del secondo sono stati dedicati alla presentazione e alla breve discussione di ventitré articoli che esaminano liberamente un'ampia gamma di temi indologici (dalla filosofia alla poesia, dalla linguistica alla tradizione buddista e alla letteratura sanscrita). Nel seminario finale, intitolato "Purezza / Impurità", sono stati presentati e discussi otto articoli. I contributi contenuti in questo volume sono stati selezionati dal Comitato scientifico AISS; essi attestano gli ultimi sviluppi nel campo degli studi indologici e le attività e i progetti di ricerca svolti nelle principali Università italiane, documentando così gli sviluppi degli studi sul sanscrito e sull'Asia meridionale negli ultimi anni.

Sommario: Editorial. Omar Abu Dbei, The poet's meal: nourishment as purveyor of inspiration and skills; Alessandro Battistini, "Latet anguis in herba": nagabandhas in Sanskrit literature; Marco Ferrante, On rsis and yogins: immediate and mediate extraordinary cognitions in early Brahmanical thought; Alberto Pelissero, Marginal notes to Atmollasa; Gianni Pellegrini, Differentiating jati and upadhi: towards a further exegesis of the six jatibadhakas according to Navya Nyaya; David Pierdominici LeAo, Mattavilasa–prahasana: new perspectives of study; Cinzia Pieruccini, The asoka groves of the Ramayana: imagery and meanings; Chiara Policardi, Therianthropic yoginis in early Saiva tradition; Rosa Ronzitti, Are the Sanskrit words of the jüngere Sprache Indo–European?; Margherita Serena Saccone, Conflicting theories regarding externalism: Santaraksita and Kamalasila against the Nyaya in the Dravyapadarthapariksa.

Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 205.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 205.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-922-2
E-ISBN: 978-88-6227-923-9
ISSN: 0392-4866
SKU: 3180

Argomenti correlati
Filologia classica...
Letteratura e Linguistica...
Storia antica...
Storia locale...



copertina

LXXXIX. 1 - Studies in Honour of Luciano Petech. A Commemoration Volume, 1914-2014, a cura di Elena De Rossi Filibeck, Michela Clemente, Giorgio Milanetti, Oscar Nalesini, Federica Venturi, 2016, pp. 248 con XXXVII tavole in bianco/nero n.t.

SUPPLEMENTI ALLA «RIVISTA DEGLI STUDI ORIENTALI»
Collana diretta da Raffaele Torella
Cm 17 x 24

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

The original idea of this volume is not only to commemorate the centennial anniversary of the birth of a teacher and prominent academic - particularly one whose influential research in the field of Tibetan studies has not yet waned - but also to convene a group of scholars, both Italian and from abroad, who were linked to him either by personal or professional friendship or by common research interests, or, in the Tibetan tradition, were his direct or indirect disciples. The present publication not only gathers a large number of renowned scholars from various fields of Asian studies, but it also triggers lively debates which once more demonstrate - if needed - the inspirational force of Petech's scholarship. The volume is divided according to geographical areas, following the principal interests of Luciano Petech, i.e. India and the Himalayas, China, and Tibet. It begins with a contribution that deals with the reorganization of the personal archive of Luciano Petech donated to Elena De Rossi Filibeck. Two articles cover the Himalayan and sub–Himalayan areas, while the articles devoted to the Chinese sphere examine some of its political, cultural and historical facets. Finally, the majority of the contributions concerns Tibet, in its disparate variety of artistic, cultural, religious and historical aspects.

L'idea originale di questo volume non è solo commemorare l'anniversario del centenario della nascita di un insegnante e di un importante accademico - in particolare, uno di quegli studiosi la cui influenza nel campo degli studi tibetani non è ancora scomparsa - ma anche riunire un gruppo di studiosi, italiani e stranieri, legati a lui sia da amicizia personale o professionale, sia da interessi di ricerca comuni, oppure suoi discepoli, diretti o indiretti, negli studi tibetani. La pubblicazione che qui si presenta, quindi, raccoglie un gran numero di studiosi di rilievo provenienti da diversi campi degli studi asiatici e dà anche l'avvio ad un vivace dibattito che dimostra ancora una volta, se necessario, la forza ispiratrice dell'insegnamento di Petech. Il volume è suddiviso in base alle aree geografiche, seguendo gli interessi principali di Luciano Petech, cioè l'India e l'Himalaya, la Cina e il Tibet. Il primo contributo si occupa della riorganizzazione dell'archivio personale dello studioso, donato a Elena De Rossi Filibeck. Due articoli riguardano le aree himalayane e sub–himalayane, mentre gli articoli dedicati alla sfera cinese esaminano alcune delle sue sfaccettature politiche, culturali e storiche. Infine, la maggioranza dei contributi riguarda il Tibet, nella sua diversa varietà di aspetti artistici, culturali, religiosi e storici.

Sommario: Foreword. Professor Luciano Petech (1914-2010). A biographical note, by Elena De Rossi Filibeck. Address of Vice-President of ISMEO, by Adriano V. Rossi. Contributions: Oscar Nalesini, The Personal Fonds of Luciano Petech and the Legacy of Giuseppe Tucci: the Case of the Corpus Inscriptionum Tibeticarum; John Bray, Luciano Petech and the Historiography of Ladakh: Lives, Times and Academic Lineages; Elena De Rossi Filibeck, A Note on the Cultural Meaning of the Traditional Wedding Songs from Rupshu and Other Areas of Ladakh; Helga Uebach, Jampa L. Panglung, A Funeral Offering for the Deceased Queen Mother: The Inscription at the Mani Wall of the Great Monastery of Hemis in Ladakh; Camillo A. Formigatti, Towards a Cultural History of Nepal, 14th - 17th century. A Nepalese Renaissance?; Giorgio Milanetti, Drawing Inspiration from Petech's Studies on Hindi Literature: Caste and Class Related Issues in Bhairav Prasad Gupta's Ganga Maiya; Mauro Crocenzi, Theorizing on Tibetan National Identity in Post-Maoist China; Paolo Santangelo, Psychological Dynamics of Emotions in Chinese Traditional Culture: The Case of Anger; Elliot Sperling, The Early History of the Pho lha Clan; Michela Clemente, The Patronage Network of lHa btsun Rin chen rnam rGyal from Brag dkar rta so to the 'Phags pa lha khang; Hildegard Diemberger, Tsering Dawa Sharshon, Some Remarks on an Early Print Edition of rGyal sras thogs med's Biography and his Collected Works; Alessandro Boesi, Medicinal Plants in Pre-Modern Tibet According to an Independent Traditional Doctor: An Outline of a Manuscript; Amy Heller, Three Ancient Manuscripts from Tholing in the Tucci Collection, IsIAO, Roma. Part I: Manuscript 1329 E; Erberto Lo Bue, A Tibetan Mahabodhi. The Main Image in the Dpal 'khor chos sde of rGyal rtse; Giacomella Orofino, The Myth of Rudra's Subjugation According to the bsGrags pa gling grags. Some Observations on the Beginning of a Historiographical Tradition; Donatella Rossi, The Three Teachings (don gsum) of Lady Co za Bon mo. A Bon po gter ma from the Giuseppe Tucci Tibetan Fund; Marta Sernesi, The Royal Chronicle of the House of the North and a Rare 15th Century Book from La stod Byang; Federica Venturi, Sa skya and Gye re; Roberto Vitali, A Note on the Role of the Early Karma pas at Karma'i dgon (1182 - ca. 1363). Appendix: Paintings by Livia Liverani; Paintings by Nyima Dhondup; Alessandra Lazzari, Italian Comics on Tibet: an Exhibit. Program of the Symposium. List of Contributors. Plates.

Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 225.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 225.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-858-4
E-ISBN: 978-88-6227-859-1
ISSN: 0392-4866
SKU: 3178

Argomenti correlati
Filologia classica...
Letteratura e Linguistica...
Storia antica...
Storia locale...



copertina

Biografie ottocentesche di Giuseppe Parini, a cura di Marco Ballarini e Paolo Bartesaghi, 2017, pp. 544

EDIZIONE NAZIONALE DELLE OPERE DI GIUSEPPE PARINI
Collana diretta da Giorgio Baroni
Cm 14,5 x 24,2

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Dopo una Introduzione generale sugli autori e sulle opere trascritte, seguita da una sintetica nota bio–bibliografica ai testi, il presente volume si sviluppa con la riproduzione di undici monografie biografiche. Di queste, una sola è inedita (quella di Francesco Pavesi, il cui manoscritto è conservato in Ambrosiana), mentre gli altri dieci documenti sono stati editi nell'Ottocento, sotto forma di elogio (quelli cronologicamente più vicini nel tempo a Parini), o di introduzione a volumi di opere pariniane, o, infine, di biografia vera e propria. La scelta delle fonti riprodotte si restringe al solo ambito ottocentesco, dall'Elogio dello Scotti - scolaro del Parini ed entusiasta auditore delle sue lezioni -, ad inizio Ottocento, in una forma particolarmente adatta a esprimere ammirazione e riconoscenza, alla Vita del Bortolotti, schivo ed infaticabile ricercatore di documenti inediti, pubblicata proprio nel 1900. Qui, sulla soglia del nuovo secolo, si arresta l'indagine sulle biografie pariniane approdata, dagli iniziali elogi, alla 'trasfigurazione' d'inizio Ottocento che ha consegnato alla storia il mito del Parini modello del poeta civile e del buon cittadino amante integerrimo della libertà della patria (repubblicana). Lo sforzo di uscire dalla mitizzazione e dall'aneddotica induce, nel corso del secolo, da un lato, a maggior precisione e moderazione e, dall'altro, a una più seria ricerca documentaria. Manca ancora, però, allo scadere del XIX secolo, nonostante i risultati ottenuti da Salveraglio e Bortolotti, un testo che possa essere considerato 'la' biografia del Parini.

Sommario: Introduzione. Abbreviazioni. Criteri editoriali. Nota ai testi. Le biografie: Cosimo Galeazzo Scotti, Elogio dell'Abate Giuseppe Parini già pubblico professore della eloquenza sublime e di belle arti nel ginnasio braidense …, Milano, Motta, 1801. [Luigi Bramieri, Pompilio Pozzetti], Della vita e degli scritti di Giuseppe Parini milanese. Lettere di due amici. Seconda edizione riveduta con diligenza, ed accresciuta di Giunte notabili, Milano, Majnardi, 1802[2]. Francesco Reina, Vita di Giuseppe Parini, in Opere di Giuseppe Parini, Milano, Genio Tipografico, 1801–1804, I–VI [trascrizione integrale della Vita, premessa al primo volume]. Camillo Ugoni, Della Letteratura Italiana nella seconda metà del secolo XVIII, Brescia, Nicolò Bettoni, 1821, II, pp. 300–327. Antonio Zoncada, Giuseppe Parini, «Rivista Europea», giugno 1846, pp. 673–720. Giuseppe Giusti, [Discorso intorno alla vita e alle opere], in Versi e prose di Giuseppe Parini, Firenze, Le Monnier, 1846, pp. VII–LXIII. Cesare Cantù, L'Abate Parini e la Lombardia nel secolo passato. Studj, Milano, Gnocchi, 1854, pp. 230–282. Francesco Pavesi, Della vita e delle opere poetiche di G[iuseppe] Parini, (1860 ca.), manoscritto inedito in BAMi, S. P. 6/6 I, 1, ff. 1–11r. Filippo Salveraglio, [Prefazione a] Le Odi dell'Abate Giuseppe Parini riscontrate su manoscritti e stampe, Bologna, Zanichelli, 1881, pp. V–LIV. Giovanni De Castro, [Vita di Giuseppe Parini], in Poesie di Giuseppe Parini, Milano, ed. Carrara, 1889, pp. 5–29. Vincenzo Bortolotti, Giuseppe Parini. Vita, opere e tempi con documenti inediti e rari, Milano, Verri, 1900, pp. 1–258; pp. 286–288. Indice dei nomi.

Composto in carattere Serra Dante.
Legatura in brossura pesante con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Legatura in tela. Sovraccoperta in cartoncino Vergatone Magnani avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 125.00 Acquista / Buy

Rilegato / Hardback: Euro 225.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 125.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-897-3
ISBN Rilegato: 978-88-6227-898-0
E-ISBN: 978-88-6227-899-7
ISSN:
SKU: 3176

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...



copertina

1 - Toni Iermano, Francesco De Sanctis. Scienza del vivente e politica della prassi, 2017, pp. 224 con figure in bianco/nero n.t.

BIBLIOTECA DI «STUDI DESANCTISIANI»
Collana diretta da Toni Iermano

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Fedele all'invito a non «adorare» ma a «comprendere» le opere e la vita dei «nostri maggiori» che il 'Professore' per eccellenza, come usava chiamarsi, ebbe a formulare in occasione di un anniversario ariosteo, questo volume intende essere non una commemorazione ma una sentita rammemorazione e un omaggio al De Sanctis che ancora attende di essere ascoltato e capito a fondo, e la cui perdurante vitalità è legata alla centralità della politica come valore nella sua esistenza e nel suo pensiero. I saggi qui raccolti fotografano diversi momenti della vita di De Sanctis e li analizzano cogliendo negli eventi, nell'azione e nella riflessione l'intima coerenza degli atteggiamenti e dei comportamenti. Mentre finora di De Sanctis si sono indagati importanti aspetti, ma in maniera sempre in qualche modo slegata e vincolata ai punti di vista disciplinari, il compito di oggi è ricostituire la coerenza di una figura a più dimensioni, il cui fulcro e principio unificante è - questa la tesi complessiva del volume - la passione politica. Scienza del vivente e politica della prassi: in questo orientamento di fondo si inscrive anche, sul piano teorico, il superamento dello hegelismo inteso come astratto spirito di sistema, in favore della adesione allo svolgersi imprevedibile del 'vivente', sul piano operativo la ricerca delle concrete soluzioni possibili, ma senza transazioni e tradimenti dei principi di base: una 'politica della prassi' che spiega l'allontanamento dal massimalismo mazziniano e la fondazione della riformista 'Sinistra giovane'. Complesso e armonico edificio in cui la letteratura e la politica abitano il medesimo spazio, il pensiero di De Sanctis esprime una profonda critica al potere, a ogni sua forma. Politica e potere si presentano non come un binomio, ma come una opposizione, e sulla base di questa audace consapevolezza il Professore disegna una visione da cui non si può tornare indietro.

Sommario: Premessa. I. «La sventura non è giunta a domarmi». L'esilio calabrese tra Leopardi e la sconfitta della rivoluzione; II. «Siamo sull'orlo della guerra civile»: il Mezzogiorno e lo stato d'assedio; III. «È un Aspromonte consumato a Torino». I tumulti del settembre 1864 e la svolta verso una 'Sinistra giovane'; IV. L'eroe stendhaliano in politica. Massimo d'Azeglio nei ricordi e nelle lezioni della Seconda scuola; V. «Questo popolo non si può rinnovare, se non rifacendosi una coscienza» : la letteratura come rinascita; VI. Una lunga cavalcata: Un viaggio elettorale come romanzo storico; VII. «Con l'una mano distrugge, con l'altra edifica». L'operaio di Gerusalemme e la formazione della nazione. Indice dei nomi.

Composto in carattere Serra Dante.
Formato 17,5 x 25. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartone Chagall Cordenons camoscio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 44.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 44.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-931-4
E-ISBN: 978-88-6227-932-1
ISSN:
SKU: 3174

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...
Storia moderna e contemporanea...



copertina

16 - Marco Tentori Montalto, Essere primi per il valore. Gli epigrammi funerari greci su pietra per i caduti in guerra (VII-V sec. a.C.), 2017, pp. 244

QUADERNI DELLA «RIVISTA DI CULTURA CLASSICA E MEDIOEVALE»
Collana diretta da Liana Lomiento

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Nella Grecia di età arcaica e classica l'epigramma diviene una delle forme principali di elogio dei soldati caduti in guerra. La composizione dell'epigramma e la sua incisione sulla pietra manifestano la volontà di rendere imperituro il loro ricordo. Il celebre epigramma per gli Spartani caduti presso le Termopili ha l'obiettivo di eternarne la valorosa impresa, sebbene a questa non fosse seguita una vittoria. Erodoto tramanda l'epigramma per i caduti Peloponnesiaci e quello per i caduti Spartani alle Termopili, non limitandosi a trattarli come fonte storica, ma elevandoli a componimenti letterari; e l'epigramma per i caduti Spartani è diventato un modello nei secoli a venire, ispirando numerosi autori antichi e moderni. Gli epigrammi greci arcaici e classici per i caduti in guerra costituiscono un modello insuperato sotto molti aspetti, come del resto irripetibili sono le premesse storiche che ne hanno comportato la nascita, in particolare l'esistenza di opliti–cittadini intimamente legati alla polis. Il presente lavoro consiste nella raccolta e nello studio degli epigrammi funerari greci per i caduti in guerra dall'età arcaica alla fine del V secolo. Il limite cronologico inferiore coincide sia con la fine della Guerra del Peloponneso (404 a.C.), sia con un cambiamento di fondamentale importanza per l'epigrafia: sotto l'arconte Euclide (403/402), infatti, Atene adotta con il decreto di Archinos l'alfabeto ionico, che gradualmente si impose nel mondo greco. Gli epigrammi qui analizzati, pertanto, sono per lo più redatti in alfabeto locale. In questo corpus sono stati per la prima volta riuniti e analizzati in un lavoro specifico quarantasei epigrammi funerari greci, di cui almeno trentadue per i caduti in guerra. L'alto numero di attestazioni dei secondi non è dovuto solo alla fortuna dei ritrovamenti, quanto piuttosto alla grande considerazione per il sacrificio degli opliti in guerra, evento che assume un ruolo centrale non solo negli epigrammi, ma anche in più semplici iscrizioni funerarie non metriche. Gli epigrammi sono presentati in ordine cronologico e divisi a seconda che siano privati o pubblici. A ogni epigramma l'Autore ha premesso una scheda con la descrizione del monumento. Seguono la bibliografia specifica dell'iscrizione e quella delle immagini; quindi, l'edizione del testo greco, accompagnata dall'apparato critico e dalla traduzione. La scheda, infine, è strutturata seguendo la descrizione archeologica del monumento, l'analisi e la datazione epigrafica, il commento testuale e, laddove possibile, la contestualizzazione storica.

Sommario: Ringraziamenti. Introduzione: 1. Gli epigrammi pubblici e privati su pietra per i caduti in guerra. 2. Monumento, struttura metrica e contenuto degli epigrammi. 3. Contributi esegetici e storici. 4. Iscrizioni non metriche ed epigrammi letterari. 5. Guerrieri ed atleti. 6. Criteri adottati nella disposizione dei testi. Prima parte: Gli epigrammi privati per i caduti in guerra: 1. Epigramma di Charops (?) (IG IX 1[2], 4, 880; CEG 145); 2. Epigramma di Tetichos (IG I[3] 1194 bis; CEG 13); 3. Epigramma di Kroisos (IG I[3] 1240; CEG 27); 4. Epigramma di Hysematas (CEG 136); 5. Epigramma di Phanes (CEG 112); 6. Epigramma di Prokleidas (IG IX 1[2], 2, 214; CEG 142); 7. Epigramma di Pyrhiadas (CEG 118); 8. Epigramma da Imbro (IG I[3] 1507; CEG 79); 9. Epigramma da Eretria (IG XII 9, 255; CEG 107); 10. Epigramma di un caduto presso l'Asopo (CEG 114); 11. Epigramma di Theotimos (CEG 637=118a): 11 a. Nota sulla dedica dei Tessali a Delfi (SEG XVII 243); 12. Epigramma di [Na]usikydes (IG I[3] 1506; CEG 82); 13. Epigramma di un peltasta da Atene (IG I[3] 1381; CEG 88); 14. Epigramma di Mannes (IG I[3] 1361; CEG 87); 15. Epigramma di Makartatos e Melanopos (IG I[3] 1288; CEG 90); 16. Epigramma di un caduto ateniese (IG I[3] 1288bis; CEG 100); 17. Epigramma di Pythokles (inedito). Appendice sugli epigrammi privati per guerrieri non caduti in guerra: a. Epigramma di Xenokles (IG I[3] 1200; CEG 19); b. Epigramma di Spoud[– – –] (IG I[3] 1274ter; CEG 30); c. Epigramma di Idagygos (CEG 170); d. Epigramma di Pythion (IG I[3] 1353; CEG 83); e. Epigramma ateniese di due soldati di Paro (CEG 94). Seconda parte: Gli epigrammi pubblici per i caduti in guerra: I. Epigramma del polyandrion di Ambracia (SEG XLI 540); II. Frammento di epigramma dei caduti ateniesi (IG I[3] 1142; CEG 1); III. Epigramma della stele dei caduti della tribù Erechtheis dalla villa di Erode Attico a Loukou (SEG LVI 430); IV. Gli epigrammi di Maratona dalla base di Atene (IG I[3] 503/504, lapides A e C; CEG 2); V. Frammento di un epigramma di una battaglia terrestre e una navale (IG I[3] 503/504, lapis B; CEG 3); VI. Epigramma dei Corinzi caduti a Salamina (IG I[3] 1143; CEG 131); VII. Epigramma di Tokes (SEG XXVII 249; CEG 155); VIII. Epigramma degli Argivi caduti a Tanagra (IG I[3] 1149; CEG 135); IX. Epigramma dei caduti tebani (Papazarkadas 2014); X. Epigramma degli Ateniesi caduti a Potidea (IG I[3] 1179; CEG 10); XI. Epigramma dei cavalieri ateniesi (IG I[3] 1181; CEG 4); XII. Epigramma dei caduti a Megara sulla stele dei cavalieri ateniesi (SEG XLVIII 83); XIII. Frammento di epigramma ateniese (IG I[3] 1167; CEG 8); XIV. Base con l'epigramma degli Ateniesi caduti in una sconfitta militare (IG I[3] 1163; CEG 5); XV. Epigramma degli Ateniesi caduti presso l'Ellesponto (IG I[3] 1162; CEG 6). Appendice sulle copie di epigrammi: a. Epigramma di una battaglia navale (IG I[3] 503/504, exemplare quarti saeculi; SEG XVI 22); b. Epigramma dei Milesii caduti contro i Megaresi (GV 33); c. Epigramma dei Megaresi caduti nelle Guerre Persiane (IG VII 53; GV 9); d. Copia dell'epigramma dei caduti tebani (n. IX). Terza parte: Epigrammi incerti: a. Epigramma di Hipostratos (?) (IG I[3] 1242; CEG 31); b. Epigramma di Gnathios (IG I[3] 1399; CEG 47); g. Epigramma di Praxiteles (CEG 139); d. Epigramma della tribù Erechtheis (IG I[3] 1174; CEG 7); e. Frammento di epigramma da Calymno (CEG 710=170a). Conclusioni. Bibliografia. Abbreviazioni bibliografiche. Concordanze. Indice delle parole greche. Parole mutile non integrate. Indice delle iscrizioni citate: a. Iscrizioni greche; b. Iscrizioni latine ed etrusche. Indice delle fonti letterarie: a. Epigrammi della tradizione letteraria; b. Autori greci; c. Autori latini. Indice delle tavole. Tavole.

Composto in carattere Serra Manuzio.
Formato 17,5 x 25. Legatura in brossura pesante con copertina in cartone Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Tiziano Fabriano muschio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 68.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 68.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-906-2
E-ISBN: 978-88-6227-907-9
ISSN:
SKU: 3172

Argomenti correlati
Filologia classica...
Filologia medievale e rinascimentale...
Filosofia e Religione...



copertina

Dal Sikanikòn all'Hellenikòn, I–II, a cura di Pietrina Anello, Roberto Sammartano, Francesca Spatafora, Stefano Vassallo, 2017, pp. 324 + 324 (pp. complessive 648) con figure in bianco/nero n.t. (voll. LII, 2015–LIII, 2016)

KOKALOS · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

I numeri LII e LIII di Kokalos accolgono gli esiti di un incontro tenutosi nel mese di dicembre del 2003 e organizzato dall'Istituto Siciliano per la Storia antica "Eugenio Manni", in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo, con l'obiettivo di fare il punto sui rapporti tra Greci e popolazioni epicorie della Sicilia, soprattutto alla luce dei nuovi ritrovamenti epigrafici ed archeologici. Già le informazioni degli autori antichi parlano non solo di scontri bellici o di rapporti di alleanza, ma anche di matrimoni misti, di legami di ospitalità, di titolari di grandi proprietà e di mercanti cartaginesi a Siracusa e in altre città siceliote; esse offrono quindi un quadro variegato e ricco di sfumature, con differenti forme di interazione, contatti, coabitazioni, relazioni personali o di gruppo. I due volumi di Kokalos rappresentano una formidabile occasione di approfondimento e una messa a punto necessaria sul tema dei rapporti tra i Greci e la complessa realtà etnica che caratterizza l'Isola. In questo quadro, oltre alla meglio nota Sicilia orientale, è entrata a pieno diritto e, finalmente, con dati e informazioni di primissima importanza, anche quella parte occidentale dell'Isola in passato non sufficientemente ed esaustivamente indagata, ma particolarmente interessante per la complessa realtà etnica che la caratterizza, concentrandosi di fatto in questa parte dell'Isola quasi tutte le componenti etniche presenti in Sicilia (Sicani, Elimi, Fenici e Greci).

Sommario: Volume I (LII, 2015): Introduzione; Luciano Agostiniani, Rosa Maria Albanese Procelli, La tomba Est 31 di Montagna di Marzo (Enna); Oscar Belvedere, Contatti culturali, identità e popolamento nel territorio imerese; Rosa Maria Cucco, Attestazioni indigene nel territorio imerese: la valle del fiume Torto; Rossana De Simone, Makella: sull'identificazione dell'antico centro indigeno attraverso la documentazione epigrafica; Massimo Frasca, Per una ripresa delle indagini nella città siculo–greca di Monte San Mauro presso Caltagirone; Angela Maria Manenti, Il territorio "deserto" fra l'Irminio e Capo Pachino; Laura Maniscalco, Il santuario dei Palici alla luce delle ultime indagini; Brian Evans McConnell, Architettura monumentale a Rocchicella; Michael Metcalfe, A funerary inscription from the Greek settlement at Contrada Maestro; Ian Morris, Religione e mutamento sociale in Sicilia occidentale, 600–400 a.C.: scavi sull'acropoli di Monte Polizzo (TP), 2000–2003; Francesco Privitera, La necropoli di Monte Iudica dopo gli ultimi scavi; Roberto Sammartano, Da Teocle ad Ermocrate: quale identità per i Greci di Sicilia?; Francesca Spatafora, Continuità e discontinuità nella "cultura" abitativa della Sicilia dell'Età del Ferro; Stefano Vassallo, Produzione e circolazione dei metalli a Colle Madore. Volume II (LIII, 2016): Sebastiana Nerina Consolo Langher, I Siculi e Siracusa fra V e IV secolo: tra indipendenza e soggezione; Carmela Angela Di Stefano, Testimonianze archeologiche di età arcaica e classica da Mazara del Vallo; Giovanni Di Stefano, I Siculi dell'area camarinese. Insediamenti e cultura materiale; Riccardo Guglielmino, Genti indigene e genti d'oltremare nella Puglia dell'Età del Bronzo; Domenica Gullì, Casteltermini: un centro della Sikania; Hans Peter Isler, Monte Iato: il periodo arcaico alla luce delle ultime scoperte; Gioconda Lamagna, Nuove acquisizioni sul centro indigeno del Mendolito di Adrano; Pinella Marchese, Caltagirone contrada S. Mauro. Nuovi dati dalle più recenti ricerche archeologiche; Rosalia Marino, Gli Elimi tra indigeni e Roma; Rosalba Panvini, Ceramica attica per i Sicani; Enrico Procelli, Ethne e facies culturali nella protostoria siciliana; Antonella Spanò Giammellaro, Isole nell'isola? Mozia, Solunto e Panormo tra Phoinikes e indigeni.

Composto in carattere Serra Dante. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartone Vergatona Magnani avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 595.00 Acquista / Buy

ISBN: 978-88-6227-920-8
ISSN: 0392-0887
SKU: 3170

Argomenti correlati
Archeologia...
Architettura e Urbanistica...
Storia antica...
Storia locale...
Storia dell'Arte...



copertina

3 - Luca Bettarini, Lingua e testo di Ipponatte, 2017, pp. 160

SYNCRISIS
Biblioteca di studi e ricerche sull'antichità classica
Collana diretta da Antonietta Gostoli
Cm 17,5 x 25

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Ipponatte è un autore 'difficile', non solo perché frammentario, ma soprattutto perché è operazione complessa chiarire i contorni precisi della sua attività poetica, che spazia dall'attacco personale, tipicamente giambico, alla parodia dell'epica e persino alla riscrittura burlesca di vicende omeriche. Autore quindi letterarissimo, ben diverso dal 'poeta pitocco' con cui è stato di frequente identificato ancora per buona parte del secolo scorso. È in questa prospettiva che trova giustificazione una rinnovata attenzione per la lingua dell'Efesino, e un esempio significativo viene dagli studi condotti su uno degli aspetti più tipici della produzione di Ipponatte, vale a dire i numerosi forestierismi presenti nei suoi frammenti: a riguardo, infatti, alla tradizionale analisi linguistica ed anche sociolinguistica si è andata via via affiancando anche quella letteraria, nel tentativo di individuare la funzione e quindi la ragione del loro utilizzo all'interno della poesia ipponattea. Anche il presente lavoro vuole essere uno studio letterario della lingua di Ipponatte, ed è per questa ragione che si articola in una serie di ricerche selettive, che puntano l'attenzione soprattutto al rapporto tra lingua e letteratura: così è per i capitoli dedicati alle kenningar e all'onomastica, ma anche per quelli che analizzano omerismi e aulicismi o le particolarità del dialetto ionico, in quest'ultimo caso con costante riferimento anche ai dati delle iscrizioni ioniche dell'Asia Minore. Infine, com'è ovvio che sia, l'analisi linguistica porta talora a valutare in una nuova prospettiva la tradizione del testo e dunque a proporre personali scelte editoriali: in tal senso l'auspicio è che questo studio possa essere di qualche aiuto anche alla critica del testo di Ipponatte, offrendo un contributo nuovo alla discussione.

Sommario: Premessa. Capitolo primo: kenningar in Ipponatte: 1. La lucertola (frr. 40 e 135 Dg. = frr. 155 e 155a W.); 2. Il millepiedi (fr. 181 Dg. = fr. 172a W.); 3. Ermete strozzacani (fr. 2 Dg. = fr. 3a W.); 4. La levatrice (fr. 33 Dg. = fr. 19 W.); 5. La prostituta (frr. 151, 152, 158, 165 Dg. = frr. 135, 135a, 135b, 135c W.); 6. L'avaro (fr. 180 Dg. = fr. 171 W.). Capitolo secondo: omerismi e forme auliche: 1. Un aoristo omerico: [emer]méricse] (fr. 79,15 Dg. = fr. 79,15 W.); 2. Il suffisso di preterito iterativo–intensivo –sc–: [foíte[ske] (fr. 78,11 Dg. = fr. 78,11 W.); [thúeske] (fr. 107,48 Dg. = fr. 104,48 W.); 3. Una geminata di origine omerica: [messègudorpochéstès] (fr. 171 Dg.= fr. 114c W.); 4. Un vocativo 'singolare': [eúèthes krítè] (fr. 139 Dg. = 154 W.); 5. Una mancata contrazione: [Agkaléè] (fr. 149 Dg. = fr. 131 W.); 6. Pronomi ricercati: 6a. [èmíekton aitei tou fálew kolápsaie ] (fr. 34 Dg. = fr. 21 W.); 6b. [ ] sfin kagorè[ ] pepo[ ] (fr. 106,4 Dg. = fr. 103,4 W.). Capitolo terzo: tra lingua e letteratura: 1. Una particolare forma di perfetto: [ádèke boulè] (fr. 137 Dg. = 132 W.); 2. Un arcaismo della dizione poetica: [lèòn athrèsas] (fr. 140 Dg. = fr. 158 W.); 3. Un locativo apparente: [toù Pugélèsi[. . . . .] . . [ ] (fr. 95,15 Dg. = 92,15 W.); 4. Due particolari 'distrazioni': 4a. [ ]eplowsen[ ] (fr. 77,3 Dg. = fr. 77,3 W.); 4b. [tès] avoiíès taútè[s] (fr. 79,3 Dg. = fr. 79,3 W.); i5. Un'aspirata inattesa: [n]enuchménwi prwktw[i] (fr. 107,32 Dg. = fr. 104,32 W.). Capitolo quarto: particolarità del dialetto ionico: 1. La psilosi; 2. La metatesi di aspirazione; 3. Grafia e prosodia dei nessi <eo>, <eou> ed <ew>. Le desinenze [eos] ed [ews]; 4. Il dativo del pronome di seconda persona singolare. Capitolo quinto: note di onomastica: 1. Onomastica e poesia giambica: Archiloco e Ipponatte; 2. Nomi mitologici in Ipponatte; Bibliografia; Indice dei passi citati; Indice dei nomi antichi, delle cose e delle parole notevoli; Indice degli autori moderni.

Composto in carattere Serra Dante. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro; sovraccoperta in cartoncino Murillo Fabriano avorio con stampa a un colore e plastificazione opaca.

Brossura / Paperback: Euro 52.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 52.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-938-3
E-ISBN: 978-88-6227-939-0
ISSN:
SKU: 3168

Argomenti correlati
Antropologia e Sociologia...
Filologia classica...
Storia antica...



copertina

Palatial Economy in the Ancient Near East and in the Aegean. First Steps towards a Comprehensive Study and Analysis, Acts of the ESF Exploratory Workshop held in Sèvres, 16–19 Sept. 2010, edited by P. Carlier, Fr. Joannès, Fr. Rougemont, J. Zurbach, 2017, pp. 372 con figure in bianco/nero n.t. (XI, 2017)

PASIPHAE · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Il convegno sulle economie palaziali (presentato in questo fascicolo monografico di «Pasiphae»), tenutosi a Sèvres dal 16 al 19 settembre 2010, ha avuto lo scopo di riunire studiosi di aree diverse che condividono lo stesso oggetto di ricerca. Lo svolgimento del XIII Simposio Internazionale su testi micenei ed egei a Sèvres, Nanterre e Parigi, la settimana successiva, ha dato la possibilità di beneficiare della presenza della maggior parte degli studiosi di epigrafia egea a Parigi. Il volume comprende la quasi totalità dei contributi presentati. Gli scambi scientifici e, più in particolare, il confronto tra i palazzi del mondo egeo e quelli del Vicino Oriente erano emersi presto come una necessità, dopo la decifrazione della Lineare B, e anche prima. Oggi, sia per gli specialisti di epigrafia egea, sia per gli studiosi di orientalistica, sia per gli antropologi dell'economia e gli storici, il lavoro da fare sull'economia dei palazzi nel mondo egeo e in quello del Vicino Oriente è enorme, in primo luogo a causa del continuo aumento delle fonti disponibili, tra studi filologici, archeologici e storici. Inoltre, l'attività in comune e i metodi comparativi restano da definire e sono anch'essi oggetto di discussione, per quella che è una delle principali direzioni di sviluppo degli studi micenei.

Table des Matières: Avant–propos; Programme; Liste des abréviations; Pierre Carlier, Second Thoughts on Mycenaean Economy; Michel Tanret, Palace Economy in the Old Babylonian Period; Artemis Karnava, Protopalatial Crete: One or More Economies?; Brigitte Lion, L'économie palatiale à Nuzi; Françoise Rougemont, Les allocations de laine à Nuzi et dans le monde mycénien. Premier essai de comparaison; Helena Tomas, Epigraphical Features of Economic Texts in Linear A; Maurizio Del Freo, Quelques réflexions sur les possessions foncières et les obligations à Pylos; Pia De Fidio, A reassessment of taxation on sacred lands in the Linear B corpus; Massimo Perna, Quelques réflexions sur la fiscalité mycénienne; John Bennet, Palaces and Their Regions: Geographical Analysis of Territorial Exploitation in Late Bronze Age Crete and Greece; Hedvig Landenius Enegren, Palatial Economy: The occupational designations in the Mycenaean archives from a quantitative perspective; Susan Lupack, Assessing Religious Hierarchies: Their Economic Influence on Mycenaean Society; Jörg Weilhartner, Die Rolle der Heiligtümer in der mykenischen Palastwirtschaft: Eine Neubewertung der Textevidenz; Ioannis Fappas, Oils and Perfumes in the Mycenaean Palatial Economy; John Nicholas Postgate, Fixed offerings to the Aššur Temple in Middle Assyrian times; Wilfred van Soldt, The Palace Economy of Ugarit; Frederick Mario Fales, Palatial Economy in Neo–Assyrian Documentation. An Overview; Stefan Zawadzki, Cult Economy and the Neo–Babylonian Palace; Francis Joannès, Françoise Rougemont, Julien Zurbach, Les économies palatiales. Remarques finales. Index.

Composto in carattere Serra Dante. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartone Vergatona Fabriano avorio con stampa a due colori e plastificazione opaca.

Brossura / Paperback: Euro 225.00 Acquista / Buy

ISBN: 978-88-6227-921-5
ISSN: 1974-0565
SKU: 3166

Argomenti correlati
Archeologia...
Architettura e Urbanistica...
Economia...
Filologia classica...
Filosofia e Religione...
Astronomia, Geografia e Scienze ambientali...
Letteratura e Linguistica...
Musica, Metrica e Teatro...
Storia antica...
Storia dell'Arte...



copertina

9 - Oratio obliqua. Strategies of Reported Speech in Ancient Languages, edited by Paolo Poccetti, 2017, pp. 176

RICERCHE SULLE LINGUE DI FRAMMENTARIA ATTESTAZIONE
Collana diretta da Paolo Poccetti
Cm. 17,5 x 24,7

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Under the name oratio obliqua historical and descriptive grammars of Latin traditionally refer to strategies of reported speech typical of this language. However reported speech is universally known and each language applies different strategies depending on message content and its purposes, attitudes of the speaker, contexts and text genres. Among the world's languages Latin features reported speech by means of very distinct morpho–syntactic structures, that deserve special attention in the perspectives of both text interpretation and synchronic and diachronic variation of linguistic patterns in relation to critical verbal categories such as tempus and modus. Particularly in Latin, reported speech is relevant also to legal texts known through both literary and epigraphic sources, so that their strategies are of special interest from the perspective of the rise and development of Roman law and legal style as well. This volume results from a workshop devoted to this topic, that was held on the occasion of the XVIIth Conference of Latin Linguistics (Rome, 2013 20th–25th May). For this reason most of the contributions to this volume focus on different aspects of reported speech in Latin in its evolution up until late antiquity. Nevertheless insights into other languages stimulate and help to enlarge the perspective. (From Foreword)

Sotto il nome di oratio obliqua i testi latini di grammatica storici e descrittivi si riferiscono tradizionalmente alle strategie del discorso riportato tipiche di questo linguaggio. Tuttavia il discorso riportato è universalmente conosciuto, e ogni lingua applica strategie diverse a seconda del contenuto del messaggio e delle sue finalità, dell'atteggiamento di chi parla, dei contesti e dei generi testuali. Tra le lingue del mondo, il latino presenta il discorso riportato per mezzo di strutture morfo–sintattiche ben distinte, che meritano una particolare attenzione nella prospettiva sia di interpretazione del testo sia di variazione sincronica e diacronica dei modelli linguistici in relazione a categorie verbali critiche come il tempus e il modus. In particolare, in latino il discorso riportato è rilevante anche per quanto riguarda i testi giuridici, noti sia attraverso le fonti letterarie che epigrafiche, dato che le loro strategie sono di particolare interesse dal punto di vista della nascita e dello sviluppo del diritto romano e dello stile legale. Il volume presenta i risultati di un workshop dedicato a questo argomento, tenuto in occasione della XVII Conferenza sulla linguistica latina (Roma, 2013, 20–25 maggio). Per questo motivo la maggior parte dei contributi si concentra su diversi aspetti del discorso riportato in latino, nella sua evoluzione fino alla tarda antichità. Tuttavia, sono presenti anche approfondimenti in altre lingue che stimolano e aiutano ad allargare la prospettiva. (Dalla Prefazione)

Contents: Foreword. Gualtiero Calboli, Direct and indirect style and connected rules; Michèle Fruyt, Les relations entre le réfléchi indirect se et ipse en latin; Marie–Dominique Joffre, La représentation de l'interlocuteur dans le discours rapporté: la répartition is / ipse; Laurent Moonens, L'expression des possibles en oratio obliqua: les traces d'un «argument d'autorité»?; Anna Orlandini, Paolo Poccetti, Structures pseudo–subordonnées en oratio obliqua; Colette Bodelot, Particularités du discours indirect chez Frédégaire; Lyliane Sznajder, Quelques réflexions sur des discours hybrides du latin biblique: oratio obliqua ou oratio recta?; Hannah Rosén, Pathways of complementing verba dicendi and other content–reporting verbs: Irish and Latin; Donna Shalev, Observations on the application and notion of oratio obliqua in literary classical Greek, with special reference to drama and Plato; Ilaria Liberati, Per la storia del termine obliquo nella sua accezione metalinguistica: tra tradizione grammaticale antica e uso moderno.

Composto in carattere Serra Dante.
Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro; sovracoperta in cartoncino Chagall Cordenons camoscio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 54.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 54.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-889-8
E-ISBN: 978-88-6227-890-4
ISSN: 1827-7357
SKU: 3164

Argomenti correlati
Filologia classica...
Letteratura e Linguistica...
Storia antica...



copertina

8 - Bruno Mellarini, Il mito e l'altrove. Saggi buzzatiani (1999–2016), 2017, pp. 160

QUADERNI DEL CENTRO STUDI BUZZATI
Collana fondata da Nella Giannetto
Cm 17 x 24

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

La presente silloge è il risultato di circa un quindicennio di studi, nati da occasioni diverse ma accomunati dall'esigenza di continuare a indagare l'opera buzzatiana, che appare oggi tra le più sfaccettate e multiformi, sperimentali e innovative del Novecento. A parte il primo contributo e l'ultimo, inedito, tutti gli altri sono scaturiti, nel corso degli anni, da una riflessione che si è andata sviluppando a partire da due parole–chiave, il mito e l'altrove; due parole che costituiscono l'asse fondamentale lungo il quale si raccolgono, in modo unitario e coerente, gli interventi qui proposti. La ricerca si è focalizzata su testi forse meno studiati, con una costante, privilegiata attenzione al rapporto tra lo scrittore e il mito, rapporto che costituisce il centro segreto e il presupposto dell'intera opera buzzatiana, la motivazione profonda soggiacente alle invenzioni di un autore per vocazione impegnato nella sfida alla cosiddetta realtà, in un progetto di superamento degli orizzonti, sempre troppo angusti e soffocanti, della realtà quotidiana: il mito come altrove. Sulla base di queste premesse, il libro offre un percorso di analisi e rilettura di alcuni momenti della produzione buzzatiana; un percorso che, partendo da un ritratto giovanile dell'autore, mira ad approfondire alcuni problemi essenziali per la comprensione dell'opera: dalla dialettica tra demitizzazione e rimitizzazione alle metamorfosi del fiabesco, dalla «nostalgia delle origini» ai temi della guerra e del conflitto, temi che riportano Buzzati al confronto ineludibile con la realtà della storia e, quindi, con le sue tragedie.

Composto in carattere Serra Dante. Formato 17 x 24. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante in tondo Murillo Fabriano blu scuro con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Chagall Cordenons camoscio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 34.00 Acquista / Buy

E-Book (pdf): Euro 34.00 Acquista / Buy - Login

ISBN: 978-88-6227-927-7
E-ISBN: 978-88-6227-928-4
ISSN:
SKU: 3162

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...

Home | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Next

Pagina 1 di 7

Corrispondenze: 63