The Online Integrated Platform of

 

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma
An Authoritative International Academic Press since 1928 and Italy's Foremost Publisher of Scholarly Journals

Accademia editoriale, Pisa · Roma / Edizioni dell'Ateneo, Roma / Giardini editori e stampatori in Pisa
Gruppo editoriale internazionale, Pisa · Roma / Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma


 Ricerca per titolo, autore, anno  
 Search by Title, Author, Year


PROMOZIONI / PROMOTIONS

Nuovi periodici / New Journals
Libri / Books

Eventi / Events


PERIODICI / JOURNALS

Online

Per titolo / By Title
Per argomento / By Subject
Fascicoli singoli / Single Issues
Fascicoli monografici / Special Issues

Prezzi di abbonamento 2015

Journals Price List 2015

Online tramite Password / Login by Password
Online tramite IP / Login by IP
Attivazione Online / Online Activation
Singoli articoli Online / Online Single Articles

Open Access

Collezioni di riviste elettroniche 2015

E-Journals 2015 Collections



COLLANE / SERIES

Per titolo / By Title
Per argomento / By Subject
Novità librarie 2013 / 2013 New Books
Novità librarie 2012 / 2012 New Books


E-Books


Newsletter-Alert
Sedi / Offices Locations
Contatti / Contacts
Pubblica con noi
Publish with Us
Lavora con noi / Stages / Jobs
Links


Condizioni d'uso / Terms of use


Materiali e contesti nell'età del Ferro sarda, Atti della giornata di studi, Museo civico di San Vero Milis (Oristano), 25 maggio 2012, a cura di Peter Van Dommelen e Andrea Roppa, 2014, pp. 292 con figure in bianco/nero n.t. (XLI/1-2, 2013)

RIVISTA DI STUDI FENICI · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Il volume nasce dalla giornata di studi dedicata a Materiali e contesti nell'età del Ferro sarda, incentrata sullo studio di un periodo in cui si registrano nell'isola una serie di processi di trasformazione di comunità locali e d'oltremare. Da un lato, l'attenzione degli studiosi era stata finora rivolta alla definizione dei contesti generali entro i quali collocare i cruciali cambiamenti intercorsi nella società indigena e il progressivo consolidamento degli insediamenti fenici sulle coste. Dall'altro lato, una spiccata specializzazione e separazione fra approcci preistorici e classici ha distinto lo studio dei materiali, inquadrati su basi tipo-cronologiche in elaborati repertori formali, ma distinti fra preistoria e 'ambiente coloniale'. Questa formazione di binari di ricerca paralleli e separati non solo ha determinato una scollatura fra contesti e materiali, ma ha anche consolidato la separazione fra ricerche di ambito nuragico e fenicio, cioè indigeno e coloniale. La conseguente carenza di attenzione al livello intermedio di analisi ha costituito il punto di partenza per questa giornata di studio e per queste relazioni, che sono riunite dall'esame dei materiali su base specificamente contestuale. Partendo da queste premesse, l'obiettivo della ricerca è stato quindi di rimarginare la scollatura esistente fra materiali e contesti, e stimolare l'adozione di un approccio integrato all'indagine degli esiti materiali delle interazioni, dei contesti e delle pratiche sociali ad essi sottese, nella loro evoluzione nel corso dell'età del Ferro, così come percepibili su base archeologica. Il risultato sono le ventiquattro relazioni che compongono questo volume e che offrono un panorama ampio e dettagliato della realtà archeologica della Sardegna nell'età del Ferro.

Sommario: Andrea Roppa, Peter van Dommelen, Materiali e contesti nell'età del Ferro sarda: una breve premessa; Alfonso Stiglitz, Dal torciere al workshop. L'età del Ferro a San Vero Milis ; Alessandro Usai, Spunti di riflessione sull'età del Ferro della Sardegna; Carlo Tronchetti, Problematiche dell'età del Ferro; Nicola Ialongo, L'inizio dell'età del Ferro in Sardegna. Verso la definizione di una cronologia comparata; Paolo Bernardini, La rete fenicia: riflessioni sulle origini della presenza fenicia in Sardegna; Raimondo Zucca, I Sardi della prima età del Ferro e i codici scrittori mediterranei; Stefano Santocchini Gerg, "Mercato sardo" e "mercato fenicio": materiali etruschi e interazioni culturali nella Sardegna arcaica; Emanuele Madrigali, Tempi e modi della presenza e stanzialità fenicia in Sardegna: una rilettura attraverso la documentazione archeologica; Massimo Botto, Fabio Dessena, Stefano Finocchi, Indigeni e Fenici nel Sulcis: le forme dell'incontro, i processi di integrazione; Michele Guirguis, Dinamiche sociali e cultura materiale a Sulky e a Monte Sirai; Carla Perra, Nuovi elementi per la definizione del sistema insediativo sulcitano dalla fortezza del Nuraghe Sirai; Valentina Ligas, Manufatti litici dall'officina artigianale della fortezza del Nuraghe Sirai. Studio tipologico e contestuale; Maria Giuseppina Gradoli, Le ceramiche di fine VII - prima metà VI secolo a.C. della fortezza del Nuraghe Sirai di Carbonia. Caratterizzazione petrografica e studio di provenienza delle materie prime; Antonella Unali, Sulky arcaica: il vano II G; Gabriele Carenti, Sulky: lo sfruttamento delle risorse marine durante l'età del Ferro; Jacopo Bonetto, L'insediamento fenicio di Nora e le comunità nuragiche circostanti: contatti e distanze; Anna Ardu, Giandaniele Castangia, Paola Falchi, Marco Mulargia, Barbara Panico, Al riparo dai venti: identità indigene e interazione culturale nell'area del Capo Mannu nel I millennio a.C.; Andrea Roppa, Manifattura ceramica, interazioni e condivisioni artigianali nell'età del Ferro sarda: i materiali da S'Urachi-Su Padrigheddu (San Vero Milis); Elisa Pompianu, Fenici e indigeni nel basso Oristanese; Jeremy Hayne, Considerazioni sul ruolo dei santuari della Sardegna settentrionale nell'età del Ferro; Beatrice De Rosa, Anfore "Sant'Imbenia" dal sito nuragico di Sant'Imbenia (Alghero, Sardegna): studi archeometrici; Gianfranca Salis, L'età del Ferro tra continuità e trasformazione: un contributo dal villaggio di Gennaccili (Lanusei, prov. Ogliastra); Salvatore Merella, Indizi sull'esistenza di un luogo sacro nella valle del Rio Mannu di Porto Torres: S'Iscia 'e su Puttu-Usini (SS); Marco Milanese, Alessandra Deiana, Maria Chiara Deriu, Antonella Fois, Tracce insediative della prima età del Ferro nel sito pluristratificato di Biddanoa (Siligo, SS); Peter van Dommelen, Andrea Roppa, Conclusioni: per una definizione dell'età del Ferro sarda.

Composto in carattere Dante Monotype.
Formato 20 x 28. Copertina in cartone Murillo Fabriano avorio con stampa a cinque colori. Sovraccoperta in cartoncino Chagall Cordenons camoscio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 295.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-754-9
ISSN: 0390-3877
SKU: 2966

Argomenti correlati
Archeologia...
Storia antica...
Storia locale...
Storia dell'Arte...



11 - Hermae. Scholars and Scholarship in Papyrology. IV, edited by Mario Capasso, 2015, pp. 100 con figure in bianco / nero n.t.

BIBLIOTECA DEGLI «STUDI DI EGITTOLOGIA E DI PAPIROLOGIA» Diretta da Mario Capasso

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Il presente volume aggiunge i profili di dieci studiosi di papirologia alla serie di sessantacinque ritratti già presentati nei tre volumi precedenti (editi rispettivamente nel 2007, nel 2010 e nel 2013). Essi, come i precedenti, sono delineati da altrettanti autori e sono basati sia su documenti d'archivio, sia sull'opera dello studioso in esame, sia su ricordi personali. Prosegue quindi, con questo quarto lavoro, l'approfondimento critico del valore scientifico, dello sviluppo e del consolidamento dello studio della papirologia attraverso l'opera di studiosi che, dagli ultimi decenni dell'Ottocento ad oggi, hanno contribuito all'affermazione di questa disciplina. Storia di uomini e delle loro ricerche, e anche storia delle istituzioni e delle collezioni che essi contribuirono a fondare, arricchire, valorizzare e, talora, storia dei loro più oscuri collaboratori che ne coadiuvarono l'attività. Un'appendice finale contiene l'elenco aggiornato di tutti i ritratti presentati nei quattro volumi.

Sommario: Albrecht Gerber, Gustav Adolf Deissmann (1866-1937); Natascia Pellé, Josiah Gilbart Smyly (1867-1948); Margherita Marvulli, Annibale Evaristo Breccia (1876-1967); Nathan Carlig, Seymour De Ricci (1881-1942); Giovanni Antonio Benedetto, David Cohen (1882-1967) e Maurits Engers (1883-1941); Enzo Puglia, Raffaele Cantarella (1898-1977); Marie-Hélène Marganne, Paul Mertens (1925-2011), Giovanna Menci, Manfredo Manfredi (1925-2011); Giulio Iovine, Mariangela Vandoni (1929-1979); Serena Ammirati, Marco Fressura, Paolo Radiciotti (1961-2012). Appendix: List of the Scholars portrayed in Hermae.

Composto in carattere Dante Monotype
Formato cm 21,5 x 29,7. Legatura in brossura con copertina in cartone pesante Murillo Fabriano blu Navy con impressioni in oro. Legatura in tela. Sovraccoperta in cartoncino Murillo Fabriano castagna con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 95.00     Acquista / Buy

Rilegato / Hardback: Euro 145.00
    Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-752-5
ISBN Rilegato: 978-88-6227-757-0
ISSN: 1828-874X
SKU: 2964

Argomenti correlati
Archeologia...
Letteratura e Linguistica...
Storia antica...



19 - Massimiliano Canuti, La pluralizzazione verbale. Evoluzione e tendenza all'interno di un'analisi tipologica: il caso toscano, 2015, pp. 140

STUDIA ERUDITA
Cm 17,5 x 25, bross.


Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa · Roma

Il volume presenta un lavoro fondamentalmente di morfologia, trattandosi di strutture verbali relative, solitamente, all'interno di parola. Ambito principale della trattazione è la pluralizzazione verbale nello sviluppo romanzo rappresentato da alcuni dialetti del toscano. L'Autore vuole dimostrare che queste varietà tendono a spostarsi verso una maggiore analisi lungo la linea continua che unisce, nella tipologia morfologica, la fusività all'agglutinazione; tenendo soprattutto presente che questo fenomeno, in un contesto diacronico, si inserisce in un movimento a spirale in relazione all'indice di fusività, ovvero in un'alternanza di maggiore e minore analiticità lungo il passare dei secoli. Dopo una breve introduzione sulla storia dell'analisi tipologica, i suoi fini e soprattutto sullo sviluppo del ramo morfologico, vengono esemplificati, tramite la scelta di dati da otto lingue, diversi modi di significare la pluralizzazione, cercando di isolare gli elementi utili all'indagine. In seguito, dopo la trattazione comparata delle desinenze verbali dell'italiano e del toscano, per comprendere il meccanismo della pluralizzazione (nucleo da cui si dipartono le altre ricerche qui svolte), nella terza parte si propone l'analisi diacronica del percorso storico che ha portato dal protoindoeuropeo (con tutta la prudenza del caso nei confronti delle forme ricostruite), passando per il latino, alle odierne forme del toscano.

Sommario: Introduzione. Capitolo 1. Elementi ed analisi tipologici: 1. 1. Generalità; 1. 2. L'analisi: quale metodo e perché; 1. 3. Che cosa è inteso qui per verbo; 1. 4. Presentazione delle lingue scelte per l'analisi tipologica; 1. 5. Il cuna; 1. 6. Cenni sull'ambito cinese; 1. 7. Il cinanteco; 1. 8. L'aymara; 1. 9. Il mam; 1. 10. Il quechua huallaga (huánuco); 1. 11. Cenni sulle lingue eschimesi; 1. 12. L'ungherese; 1. 13. Conclusioni. Capitolo 2. L'italiano standard e alcuni dialetti toscani: 2. 1. Un primo approccio; 2. 2. L'italiano standard ; 2. 3. Alcuni dialetti toscani; 2. 4. Modello sperimentale di analisi comparata tra desinenze verbali toscane ed italiane; 2. 5. Ultime osservazioni; 2. 6. Confronto con la pluralizzazione nominale italiana …; 2. 7. … e dei dialetti del toscano; 2. 8. Conclusione. Capitolo 3. Lo sviluppo diacronico: 3. 1. I lineamenti della ricerca; 3. 2. L'indoeuropeo; 3. 3. Il latino; 3. 4. Il volgare; 3. 5. La logica dell'evoluzione; 3. 6. Sintesi conclusiva. Riferimenti bibliografici. Indice dei nomi e delle cose notevoli.

Composto in carattere Dante Monotype.
Legatura in brossura con copertina in cartone pesante Murillo Fabriano blu Navy con impressioni in oro e sovraccoperta in cartoncino Vergatona Magnani avorio con stampa a due colori e plastificazione opaca.

Brossura / Paperback: Euro 42.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-8147-445-5
ISSN: 1828-8642
SKU: 2962

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...



Beppe Fenoglio cinquant'anni dopo, a cura di Alberto Casadei, 2014, pp. 224 (XLIII/2, 2014)

ITALIANISTICA · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

I contributi raccolti in questo fascicolo sono nati, per la maggior parte, nell'ambito di un Seminario sulle opere di Beppe Fenoglio, tenuto presso la Scuola Normale Superiore di Pisa nel 2013; ad essi si aggiungono alcune ricerche svolte da Gabriele Allegro e da Enrico Bosca, che ben si integrano con i testi qui riuniti. In apertura sono poi collocati due lavori che propongono documenti inediti o poco sondati. Tutti gli articoli mirano ad approfondire questioni specifiche ed evitano, nei limiti del possibile, la ripetizione di molti dati acquisiti: frequente è perciò il rinvio ai saggi canonici della critica fenogliana come base di partenza, rispetto alla quale si cerca di sottolineare solo aspetti effettivamente innovativi. Vengono avanzate nuove interpretazioni di alcuni fra i maggiori testi di Fenoglio, peraltro partendo dagli incunaboli del 1946-1947 e arrivando sino agli abbozzi del 1962. In generale, l'aspirazione di questo fascicolo è quella di contribuire a rileggere l'intera opera di Fenoglio non solo nei suoi snodi, in parte ancora da vagliare esattamente, ma anche nella prospettiva attuale che induce a riconsiderare la narrazione come fatto biologico-cognitivo prima ancora che di tecnica e di dispositio. L'individuazione di alcuni nuclei ricorrenti e profondi non è una novità, ma occorre valutarne meglio le implicazioni per le modalità di racconto adottate, spesso all'insegna di una profusione che deve trovare il suo quid, magari in un'iperbole decisiva; è una condizione interiore che si reifica nell'esterno, in una compenetrazione fortissima dell'io corporeo con le vicende storiche e materiali da lui vissute. 'Versione di un'esperienza incarnata' è forse il modo più preciso per definire la scrittura fenogliana, che anche per questo va contro le vacue posizioni antirealistiche attuali.

Sommario: Beppe Fenoglio cinquant'anni dopo, a cura di Alberto Casadei. Premessa. Nota ai testi. Luca Bufano, Fenoglio e «Il Caffè». Lettere a Giambattista Vicari; Veronica Pesce, Fra le letture di Beppe Fenoglio; Selene Maria Vatteroni, «Ma l'amore si fa ripensare». Indagini testuali, proposte di datazione e percorsi tematici tra La voce nella tempesta e Una questione privata; Carlo Zanantoni, Nuclei e satelliti narrativi nella Malora di Beppe Fenoglio; Federico Rossi, Dal Paese ai Racconti del parentado: riscrittura ed evoluzione stilistica nei racconti langaroli di Beppe Fenoglio; Gabriele Allegro, Un romanzo sulla caduta dell'Italia: lettura di Primavera di bellezza di Beppe Fenoglio; Lorenzo Marchese, Tragico e tragedia in Una questione privata; Andrea Lazzarini, Qualche appunto sui Penultimi di Beppe Fenoglio; Anna Borgarello, Hemingway e Fenoglio, oltre il dopoguerra; Ida Duretto, La paga del sabato tra Hemingway e Steinbeck: un finale atipico; Nicole Siri, Fenoglio e Faulkner: alcuni riscontri intertestuali; Massimo Colella, «Vivendo e in parte vivendo». Fenoglio traduttore di Eliot; Dea Merlini, Le traduzioni di Beppe Fenoglio dall'Antologia di Spoon River: una palestra di stile; Alberto Casadei, Gli ultimi progetti di Fenoglio: il partigiano Nick fra narrativa e teatro; Beatrice Montorfano, Gli ultimi esperimenti teatrali di Beppe Fenoglio; Enrico Bosca, Fenoglio scrittore per il cinema: la sceneggiatura incompiuta; Chiara Benetollo, Fenoglio nei «Gettoni» einaudiani: vicende del dialogo tra Vittorini e Calvino; Enrico Fantini, Note su due biografie fenogliane.

Composto in carattere Dante Monotype.
Formato cm 17 x 24. Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano blu con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Ingres Fabriano giallo con stampa ad un colore.

Brossura / Paperback: Euro 240.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-734-1
ISSN: 0391-3368
SKU: 2960

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...
Letteratura e Linguistica...



LXXXVII. 2 - The Study of South Asia between Antiquity and Modernity – Parallels and Comparisons, Coffee Break Conference 2, edited by Artemij Keidan, 2014, pp. 268

SUPPLEMENTI ALLA «RIVISTA DEGLI STUDI ORIENTALI» Diretta da Mario Prayer
Cm 17 x 24


Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

The present volume collects the proceedings of the conference The Study of South Asia: between Antiquity and Modernity, Parallels and Comparisons. The Coffee Break Conference II. The meeting, as well as the present proceedings, is a further step in the path established with the conference The Study of Asia: between antiquity and modernity (June 2010). The two events share most of the organising staff and the same theoretical premises. The Coffee Break Project has been started by a group of young researchers on Asian Studies and it has been conceived since the beginning as an open challenge to some well-known and "petrified" research criteria of traditional academia. The purpose of these papers is to make the authors and their audience aware of the plurality of possible methodological approaches within every field of study and of the non-neutrality of the choice of one approach over another. It might also be possible to find some common grounds between the way a philologist and an economist conceive their works. All participants of the Coffee Break Conferences must be open to curiosity and criticism. The panels have been conceived and organized by researchers working on South Asia who have, in most cases, opened the discussion to contributions from different contexts.

Questo volume raccoglie gli Atti del convegno Lo studio dell'Asia del Sud: tra antichità e modernità. Paralleli e Confronti. Coffee Break Conferenza II. L'incontro, così come gli Atti che si presentano, è un ulteriore passo nel percorso stabilito con il convegno Lo studio dell'Asia: tra antichità e modernità (giugno 2010). I due eventi condividono la maggior parte dello staff organizzativo e le stesse premesse teoriche. Il progetto Coffee Break è stato avviato da un gruppo di giovani ricercatori nell'ambito degli studi asiatici ed è stato concepito fin dall'inizio come una sfida aperta ad alcuni criteri di ricerca ben noti e "pietrificati" del mondo accademico tradizionale. Lo scopo di questi lavori è rendere gli autori e il loro pubblico consapevoli della pluralità di possibili approcci metodologici all'interno di ogni campo di studio e della non-neutralità della scelta di un approccio rispetto all'altro. Potrebbe anche essere possibile trovare alcuni punti comuni tra il modo in cui un filologo e un economista concepiscono i loro lavori. Tutti i partecipanti delle Coffee Break Conferences devono essere aperti alla curiosità e alla critica. I pannelli sono stati concepiti e organizzati da ricercatori che lavorano sull'Asia meridionale e che hanno, nella maggior parte dei casi, aperto il dibattito a contributi provenienti da contesti diversi.

Sommario: Marco Ferrante, General Introduction. History and Historiography: Mark Schneider, Universalist Theories in Historical Research. «Indigenous» Grammars: Giovanni Ciotti, «Indigenous» grammars. An Introduction; Luca Alfieri, The Arrival of the Indian Notion of Root into Western Linguistics. From Colebrooke (1805) to Benfey (1852); Cristian Pallone, Some Considerations about Motoori Norinaga's Notions on ]apanese Vocalism. Language as a Way of Salvation: Marco Ferrante, Language as a Way of Salvation. An Introduction; Marco Lauri, Three Ways to Happiness. Arabic Grammars of Salvation; Paolo Visigalli, Some Thoughts on the Relation Between Linguistic Usage, Merit and Felicity in Ancient India; Marco Ferrante, How to Obtain Salvation Through Language? Bhart[r]hari on Sabdapurvayoga; Enrico Giulia, Japanese Polyglots of Salvation. Miwa-ryu and its Multi-Linguistics Approach; Roberta Amato, Language as a Sign of the Times in East Timor. Portuguese as a Language of Salvation in Politics and Religion. Development Studies in South Asia: Paola Cagna, The gender analysis of neoliberalism. An introduction; Barbara Benedetti, The country that will reform India. A gender perspective of agrarian change in Andhra Pradesh; Paola Cagna, Self Help Groups and women's empowerment. A case study from South India.

Composto in carattere Dante Monotype.
Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano avorio con stampa a due colori e sovraccoperta con stampa a quattro colori.

Brossura / Paperback: Euro 225.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-745-7
ISSN: 0392-4866
SKU: 2956

Argomenti correlati
Filologia classica...
Letteratura e Linguistica...
Storia antica...
Storia locale...



[Katà korufèn fáos]. Studi in onore di Graziella Fiorentini, 2014, voll. I-II, pp. 616 complessive con figure in bitono n.t. (X, 2013 - XI, 2014)

SICILIA ANTIQUA · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

I due volumi che si presentano, fascicoli monografici della rivista «Sicilia Antiqua», sono dedicati a Graziella Fiorentini, già Soprintendente archeologo per le provincie di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, studiosa rigorosa e capace che all'indagine e alla tutela del patrimonio archeologico e ambientale siciliano ha dedicato tutta la sua competenza e la sua attività, dagli anni sessanta del secolo scorso in poi. I numerosi contributi, presentati in ordine alfabetico, ripercorrono in buona parte i sentieri della ricerca seguiti dalla archeologa nel corso della sua quarantennale attività, dagli studi su Agrigento a quelli su Gela, da Himera a Camarina, da Enna a Paternò. Essi prendono in considerazione classi specifiche di materiali (ceramica, terrecotte architettoniche, monete) e studiano le dinamiche insediative, le necropoli, i santuari di varie località siciliane, in un periodo che va dalla tarda preistoria al primo medioevo. In un'alternanza di studi più settoriali e di maggior respiro storico, questi due volumi offrono i dati più attuali e i risultati più recenti della ricerca archeologica in Sicilia.

Sommario: Volume I: Introduzione; Rosa Maria Albanese, Enrico Procelli, Una tomba dell'Eneolitico antico in contrada Pozzi di Avola (Siracusa); Oscar Belvedere, Archeologia preventiva. Quale futuro?; Nicola Bonacasa, Himera. Significato e valore di alcuni frammenti di acroteri vegetali; Aurelio Burgio, Dinamiche insediative nel comprensorio di Cignana. Continuità e discontinuità tra l'età imperiale e l'età bizantina; Anna Calderone, Otri o testuggini. Insoliti recipienti tardo-arcaici dalla Sicilia centro-meridionale; Maria Caccamo Caltabiano, Il simbolismo dello stemma/infula: Nike, Aphrodite e il conferimento del potere sovrano; Valentina Calì, Asclepio e Cristo: esegesi di una polemica fra pagani e cristiani; Valentina Caminneci, Sarcofago con ratto di Proserpina nella Chiesa Madre di Raffadali; Rosa Maria Carra Bonacasa, Nota di archeologia postclassica. A proposito della 'via dei sepolcri' nella necropoli paleocristiana di Agrigento, tra preesistenze e trasformazioni; Maria Clara Conti, Un pinax da Agrigento con la partenza di un guerriero; Aldina Cutroni Tusa, Lampedusa: dalla preistoria alla moneta; Monica de Cesare, Le necropoli di Agrigento: rileggendo alcune immagini dipinte sui vasi; Ernesto De Miro, Le due fondazioni di Minoa-Eraclea. Vicende di una città arcaica ed ellenistica; Carmela Angela Di Stefano, La dea di Solunto; Giovanni Di Stefano, Camarina. Terrecotte di argomento teatrale; Salvina Fiorilla, Eraclea-Terranova. La riscoperta della città medievale attraverso le ricerche dell'ultimo trentennio; Domenica Gullì, Raffigurazioni plastiche antropomorfe e zoomorfe di età neolitica nel territorio agrigentino; Caterina Ingoglia, La produzione locale di Gela tra VII e VI sec. a.C.: la ceramica da uno scavo in Via Bonanno (1979); Sebastiana Lagona, Viene dall'Italia l'atleta di Kyme?; Vincenzo La Rosa, Il dépas anphikúpellon: un fossile-guida per il castellucciano di area siracusana?; Gioacchino Francesco La Torre, La peplophoros del museo di Licata; Giacomo Manganaro, Tre iscrizioni di Agrigento, il culto dei Caesares nipoti di Augusto e la diffusione della gens Annia; Laura Maniscalco, L'Acropoli di Paternò attraverso il tempo; Clemente Marconi, Nuovi dati sui culti del settore meridionale del grande santuario urbano di Selinunte; Brian E. McConnell, Thomas Cole e Samuel James Ainsley a Girgenti, 27 aprile-1 maggio, 1842; Pietro Meli, Dalle "debite restaurazioni" ottocentesche ai moderni interventi di restauro dei monumenti della Valle dei Templi di Agrigento; Sommario Generale. Volume II: Dario Palermo, Il modello fittile da Sabucina e l'ultima fase del santuario di Polizzello: un contributo alla storia degli indigeni di Sicilia; Rosalba Panvini, Note su alcune ceramiche attiche dalle necropoli di Sabucina; Rosario P. A. Patané, Una scultura in terracotta a Centuripe; Antonella Pautasso, Terrecotte locresi d'età arcaica da Catania. Un contributo alla storia dei rapporti tra Sicilia e Magna Grecia; Elisa Chiara Portale, Decorazione, illustrazione o metafora? Su un gruppo di terrecotte architettoniche dal sito di S. Biagio ad Agrigento; Rosalia Pumo, Terrecotte architettoniche del tempio C dagli scavi dell'Institute of Fine Arts-NYU nel grande santuario urbano di Selinunte; Maria Serena Rizzo, Agrigento ed il suo territorio in età tardoantica e bizantina: primi dati da recenti ricerche; Grazia Spagnolo, Una cisterna di età classica a Gela: problemi cronologici e topografici; Francesca Spatafora, Palermo: la necropoli punica (scavi 2000-2005). Spazio funerario, rituali e tipologie funerarie; Antonio Tempio, Hybla, Inessa e la synteleia duceziana; Mario Torelli, Chalcidicum Halaesinum; Caterina Trombi, Le anfore da trasporto da Monte Adranone (Sambuca di Sicilia - Ag): primi dati; Sebastiano Tusa, Realtà ed evanescenza della facies di Rodì-Tindari-Vallelunga; Francesca Valbruzzi, Contributo all'archeologia dell'antica Henna e del territorio degli Erei; Maria Grazia Vanaria, Coroplastica di età ellenistica da scavi in corso Cavour a Messina; Stefano Vassallo, Un'offerta di schinieri di un mercenario iberico nella battaglia di Himera del 480 a.C.; R. J. A. Wilson, Il banchetto funerario nella Sicilia della prima età bizantina: nuove attestazioni da Kaukana; Carlo Zoppi, L'Olympieion di Agrigento dopo il 406 a.C.; Ernesto De Miro, Ricordo di Giovanni Rizza; Sommario Generale.

Composto in carattere Dante Monotype.
Formato cm 24 x 34 in ottavo grande. Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano avana con stampa a due colori. Legatura in tela. Sovraccoperta in cartoncino Murillo Fabriano bianco plastificato lucido con stampa a colori.

Brossura / Paperback: Euro 590.00     Acquista / Buy

Rilegato / Hardback: Euro 990.00
    Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-743-3
ISBN Rilegato: 978-88-6227-744-0
ISSN:
SKU: 2954

Argomenti correlati
Archeologia...
Storia antica...



Per Domenico Balestrieri (1714-2014), a cura di Anna Bellio, introduzione di Felice Milani, 2014, pp. 204 (vol. IX, 2014)

STUDI SUL SETTECENTO E L'OTTOCENTO · FASCICOLI MONOGRAFICI

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Verso la fine degli anni trenta del Settecento Domenico Balestrieri godeva già, come poeta bernesco in lingua e in dialetto, di un'autorevolezza tale da poter convocare circa ottanta poeti di tutta l'Italia settentrionale per piangere, con la raccolta uscita nel 1741, la morte del suo gatto, caduto per un salto eccessivo dal tetto sul quale era stato affrontato dai rivali in amore. Intorno al 1740 Balestrieri metteva mano alla redazione di un canzoniere amoroso in dialetto: un esercizio nuovo nella tradizione milanese, che ne allargava, colmando un vuoto, il ventaglio espressivo. Una parte di tale canzoniere costituisce la sezione centrale, dopo quella delle poesie varie e prima delle morali, delle Rimm milanes, che il Balestrieri pubblicò nel 1744 in un volume in quarto grande, illustrato con rami tratti da opere di vari artisti. Membro dell'Accademia dei Trasformati e traduttore in milanese della Gerusalemme liberata, la sua produzione dialettale fu caratterizzata da ricchezza di immagini efficacemente descrittive, espressività, coerente costruzione tematica e ricerca di resa scenica; essa influenzò tutta la successiva generazione di poeti milanesi, da Alessandro Garioni a Francesco Pertusati, da Giuseppe Carpani a Carlo Grato Zanella; ma soprattutto su di essa fece il suo apprendistato il Porta. Indipendentemente da ciò, la personalità poetica e culturale del Balestrieri è tale da far apparire doveroso l'omaggio di questo volume nel terzo centenario della nascita.

Sommario: Per il terzo centenario di Domenico Balestrieri (1714-2014). Felice Milani, Introduzione; Saggi: Felice Milani, Il Figliuol Prodigo di Domenico Balestrieri; Barbara Stagnitti, «Da partutt a guardà dovè se voeur, / Godii ona vista, che ve slarga el coeur». Domenico Balestrieri e le delizie delle villeggiature lombarde; Paolo Senna, Sintassi dispositiva e modulazioni della dedica nelle Rime toscane, e milanesi di Domenico Balestrieri; Cristina Tagliaferri, Domenico Balestrieri nei giudizi e nell'Opera di Giuseppe Parini; Note: Giovanni Biancardi, L'edizione delle Rimm milanes del 1744; Mirella d'Ettorre, Te dal numero ancor de' fidi amici; Inediti e rari: Paolo Bartesaghi, Domenico Balestrieri e Pasquale Agudio tra estro bernesco e serietà pariniana; Francesca Strazzi, Balestrieri e Manzoni: cronistoria di un'amicizia; Alia: Giorgio Baroni, Parini per un'etica del lavoro; Pietro Gibellini, Baffo in Belli?; Pier Angelo Perotti, Bimbi e ragazzi nei Promessi sposi.

Composto in carattere Dante Monotype.
Formato cm 17 x 24. Legatura in brossura pesante con copertina in cartoncino Murillo Fabriano blu con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Ingres Fabriano avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 185.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-725-9
ISSN: 1828-2156
SKU: 2952

Argomenti correlati
Filologia moderna e contemporanea...



6 - Alberto Distefano, L'altare dell'Olympieion di Akragas. Analisi costruttiva e ipotesi di restituzione, 2014, pp. 88 con 56 figure e XIX tavole in bianco/nero n.t

BIBLIOTECA DI «SICILIA ANTIQVA» Diretta da Ernesto De Miro,
Cm. 22,2 x 32, bross


Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Agrigento possiede la più esauriente documentazione di altari rispetto agli altri santuari greci di Sicilia: altari monumentali con gradinata nei santuari delle divinità olimpiche, altari quadrati e rotondi nei santuari ctoni. Fra i primi rimane isolato, quasi testo a sé stante, l'altare monumentale del grande Tempio di Zeus; esso ha offerto da sempre difficoltà di lettura e di interpretazione struttiva, tali da rendere problematico ogni tentativo al riguardo. Bisogna rendere merito all'architetto Alberto Distefano, giovane studioso formatosi presso l'Università di Palermo, per avere affrontato il problema interpretativo di queste rovine. L'analisi tipologica, costruttiva, dimensionale, condotta con perseveranza di tipo filologico, ha portato l'Autore a dare alla propria ricerca una soluzione interpretativa apprezzabile, riconoscendo nel sistema costruttivo dei piedritti, di cui si compone caratteristicamente la fondazione dell'altare, il reimpiego da un edificio della stessa epoca (verosimilmente non portato a termine) o addirittura elementi originariamente destinati all'elevato dello stesso Olympieion. La ricerca di Distefano toglie dall'isolamento di un semplice rilevamento questa importante costruzione di altare, ipotizzando le possibili restituzioni plano-volumetriche, e proietta la sua lettura in possibilità interpretative e soluzioni convincenti: il che vuol dire far progredire la conoscenza delle strutture e degli spazi santuariali in genere.

Sommario: Ernesto De Miro, Presentazione. Introduzione. 1. Le ricerche dal XVIII agli inizi del XXI secolo; 2. Il rilievo topografico e architettonico; 3. Analisi tipologica; 4. Analisi costruttiva; 5. Analisi morfologica degli elementi lapidei; 6. Analisi paleografica delle iscrizioni lapidee; 7. Analisi dimensionale dei blocchi squadrati; 8. Considerazioni metrologiche; 9. Ipotesi di restituzione. Conclusioni. Tavole. Abbreviazioni. Bibliografia.

Formato 22,2 x 32. Legatura in brossura pesante con copertina in cartone in tondo Magnani blu con impressioni in oro e sovraccoperta in cartoncino Murillo Fabriano perla con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 58.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-732-7
ISSN: 1970-1454
SKU: 2950

Argomenti correlati
Archeologia...
Storia antica...
Storia locale...
Storia dell'Arte...



II - Biagio Virgilio, Studi sull'Asia Minore e sulla regalità ellenistica. Scelta di scritti, 2014, pp. XXVI-418, con figure in bianco/nero n.t.

STUDI ELLENISTICI • SUPPLEMENTI Diretta da Biagio Virgilio. Cm 17,5 x 24,7

Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Con questo volume si vuole rendere omaggio a Biagio Virgilio per la sua attività scientifica e accademica, che in massima parte coincide con la quarantennale collaborazione con la nostra casa editrice; un'attività che si è distinta per la ricca produzione scientifica storico-epigrafica, per il prestigio di originali e rigorose iniziative scientifiche ed editoriali come gli «Studi Ellenistici», per l'appassionato insegnamento che egli ha destinato a studenti e allievi. Si raccolgono dunque qui, e si presentano agli studiosi, gli scritti più significativi di Biagio Virgilio, selezionati e aggiornati dallo stesso autore. Essi si snodano lungo le direttrici principali delle linee di ricerca ellenistica percorse: l'Asia Minore, gli Attalidi di Pergamo, i santuari anatolici, l'ideologia e le forme dell'autorappresentazione del re e della regalità ellenistica, la corrispondenza reale come strumento della comunicazione, della diplomazia e del governo, offrendo non solo un quadro emblematico degli interessi e dei risultati scientifici dell'autore, ma anche spunti per ulteriori riflessioni storiche.

Sommario: Premessa. Tabula gratulatoria. Bibliografia di Biagio Virgilio. Abbreviazioni. Parte prima. Poteri a confronto in Asia Minore: Anatolia ellenistica, romana, cristiana; Sulle città dell'Asia Minore occidentale nel II secolo a.C.; Sui decreti di Metropolis in onore di Apollonio. Parte seconda. Pergamo e gli Attalidi: Fama, eredità e memoria degli Attalidi di Pergamo; Eumene I e i mercenari di Filetereia e di Attaleia; Su alcune concessioni attalidi a comunità soggette; La città ellenistica e i suoi 'benefattori': Pergamo e Diodoro Pasparos; Nota sui Nikephoria pergameni. Parte terza. Re e regalità. Un potere non soggetto a rendiconto: Storiografia e regalità ellenistica; Re e regalità ellenistica negli affreschi di Boscoreale; Polibio, il mondo ellenistico e Roma. Parte quarta. La corrispondenza del re. Comunicazione, governo e potere: Forme e linguaggi della comunicazione fra re ellenistici e città; Re, città e tempio nelle iscrizioni di Labraunda; La lettera reale dal santuario di Sinuri presso Mylasa in Caria, sulla base dei calchi del Fonds Louis Robert della Académie des Inscriptions et Belles-Lettres; Le esplorazioni in Cilicia e la lettera reale sulla indisciplina dell'esercito acquartierato a Soloi; La lettera seleucidica alla città di Limyra in Licia. Indici: Indice delle fonti antiche: Autori; Iscrizioni; Papiri. Indice dei nomi e degli argomenti. Vocabolario greco.

Composto in carattere Dante Monotype.
Legatura in brossura pesante con copertina in cartone in tondo Magnani blu con impressioni in oro o legatura in tela con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Vergatona Magnani avorio con stampa a due colori.

Brossura / Paperback: Euro 225.00     Acquista / Buy

Rilegato / Hardback: Euro 450.00
    Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-636-8
ISBN Rilegato: 978-88-6227-037-5
ISSN: 1828-5864
SKU: 2948

Argomenti correlati
Filologia classica...
Storia antica...
Storia locale...



XXXIX - Jacques Gaffarel between Magic and Science, edited by Hiro Hirai, 2014, pp. 120 con figure in bianco/nero n.t.

SUPPLEMENTI DI «BRUNIANA & CAMPANELLIANA» Diretta da Eugenio Canone, Germana Ernst, STUDI 17
Cm. 17,4 x 24,5


Fabrizio Serra editore, Pisa · Roma

Protetto dal cardinale Richelieu, Jacques Gaffarel (1601-1681) fu un dotto orientalista, stimato da autorevoli studiosi del tempo come Pierre Gassendi. Il suo libro più famoso e controverso, intitolato Curiositez Inouyes (1629) e profondamente influenzato dalle dottrine rinascimentali della storia del mondo, la prisca theologia e la cabala cristiana, tratta di talismani, di oroscopi e dell'astrologia attribuita agli antichi Ebrei. Il presente volume, costituito da sei saggi interdisciplinari, si propone di fornire la prima visione complessiva dell'opera e dell'influsso di Gaffarel, analizzando le sue concezioni sulla cabala, la magia, la filosofia naturale, la storia del mondo e altre dottrine in relazione al loro specifico contesto storico e intellettuale. Entro tale prospettiva, il volume intende collocare Gaffarel nella mappa intellettuale all'alba della rivoluzione scientifica.

A protégé of Cardinal Richelieu, Jacques Gaffarel (1601-1681) was a learned Orientalist, respected by leading minds of the time such as Pierre Gassendi. Heavily influenced by the Renaissance vision of world history, prisca theologia and Christian Cabala, his Curiositez Inouyes (1629) was a controversial work on talismans, horoscopes and astrology ascribed to the 'ancient Hebrews'. The present volume of six interdisciplinary essays aims to provide the first substantial survey of Gaffarel's work and influence. His views on Cabala, magic and natural philosophy, world history and other disciplines will be studied in their own historical and intellectual context. In doing so, this volume seeks to place Gaffarel on the intellectual map at the dawn of the Scientific Revolution.

Sommario: Hiro Hirai, Foreword. List of Abbreviations. Peter Forshaw, Concealed Mysteries and Unheard-of Curiosities: Jacques Gaffarel's Defence of Celestial Writing and Divine Kabbalah; Saverio Campanini, Jacques Gaffarel e gli Abdita divinae cabalae mysteria; Frédéric Gabriel, Figures des téraphim, entre causalités, intention du culte et supports de croyance: Gaffarel orientaliste; Sylvie Taussig, La réception des Curiositez inouyes par Gassendi et Mersenne; Hiro Hirai, Images, Talismans and Medicine in Jacques Gaffarel's Unheard-of Curiosities; Juliet Odgers, Resemblance and Figure in Garden and Laboratory: Gaffarel's Influence on John Evelyn. Index of Names.

Composto in carattere Dante Monotype.
Legatura in brossura pesante con copertina in cartone in tondo Magnani blu con impressioni in oro. Sovraccoperta in cartoncino Vergatona Magnani avorio con stampa a due colori e plastificazione opaca.

Brossura / Paperback: Euro 36.00     Acquista / Buy


ISBN: 978-88-6227-730-3
ISSN: 1127-6045
SKU: 2946

Argomenti correlati
Filologia medievale e rinascimentale...
Filosofia e Religione...




  [ Home ] 1 ] [ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ] [ Next
Pagina 1 di 5
Corrispondenze: 44